VENETI: DA POLENTONI A … SPIONI

0
778

La disoccupazione, gli imbrogli di alcune delle banche venete, gli attentati terroristici in europa hanno stimolato nel nostro paese la ricerca di agenti segreti. Una nuova professione super pagata che per nulla dispiace a giovani e non più delle sette province della nostra Regione. A farlo capire sono i click del portale online “Lavora con noi” degli 007 della penisola che ha avuto oltre 4 milioni di visualizzazioni di cui 1,5 milioni nell’ultimo anno. Di questi oltre centomila vengono proprio dalla nostra regione. Il Veneto polentone si riscopre così… spione. Pensa­re di fare la spia piace a molti giovani ma secondo un rapporto Eurispes del 2015 la scelta non dispiace neppure ai loro genitori. Se­condo l’indagine quasi il 40 per cento degli intervistati approverebbe la scelta del figlio di diventare una spia. Però il DIS, Diparti­mento per le Informazioni sulla Sicurezza, ha messo le sue radici partendo nelle scuole primarie grazie ad una collaborazione con il Miur. L’anno scorso, proprio il DIS, ha premiato 3 scuole elementari nell’ambito del concorso “Disegna l’Intelligence”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here