“Votare a luglio non sarebbe vera democrazia”

0
123

Gira in queste ore la voce che il Governo starebbe valutando di far tenere le elezioni la seconda settimana di luglio, cedendo alle pressioni delle Regioni che devono andare al voto. Non una sorpresa, visto che il giorno dopo aver superato il picco di contagi Zaia stava già premendo in questa direzione.
“Se fosse confermata la data delle elezioni per il 12 luglio speriamo che questo non mortifichi la partecipazione – Arturo Lorenzoni, candidato de Il Veneto che vogliamo, interviene sulla questione elezioni regionali – La finestra dal 12/7 al 26/10 è molto ampia e auspico che la si usi con rispetto dei meccanismi democratici. In ogni caso noi stiamo lavorando da tempo per farci trovare pronti. l’interlocuzione con le forze che compongono la coalizione è molto positiva. Il periodo che stiamo vivendo cambierà molto il modo di fare campagna elettorale , ma soprattutto modificherà le priorità, le esigenze e lo sguardo stesso di molti veneti. Sanità, scuola, diritti, welfare, export, sviluppo, ambiente, giovani: tutti ambiti che hanno bisogno di una strategia precisa e che chi ci governa ha dimostrato di non avere.