Viaggio intorno al mondo per proteggere l’ecosistema

0
235

Un viaggio di 30.000 chilometri in moto in solitaria, attraverso 26 nazioni, per lanciare il movimento globale “Conscious planet – Salva il suolo” e sensibilizzare il pubblico mondiale sulla crisi climatica. È Venezia la prima tappa italiana scelta da Sadhguru, lo yogi più conosciuto al mondo e fondatore di Isha Foundation, partito nei giorni scorsi da Londra e atteso mercoledì 30 marzo alle ore 14.30 all’Auditorium Santa Margherita per un incontro organizzato da Università Ca’ Foscari Venezia e VeniSIA, Venice Sustainability Innovation Accelerator. L’evento, che si terrà in lingua inglese, è già sold out ma potrà essere seguito in diretta streaming su YouTube a questo link: con Sadhguru dialogheranno Carlo Bagnoli, direttore scientifico di VeniSIA, Hélène Molinari, president & founder di SUMus e Federico Blumer, founder de Il Viaggio di Scoperta.
«Accogliamo a Venezia una personalità unica, che mette la sua spiritualità e la sua capacità comunicativa al servizio della protezione del suolo e dell’ecosistema. E non è un caso che abbia scelto proprio questa città come prima tappa del suo lungo viaggio» commenta il professor Carlo Bagnoli, Direttore Scientifico di VeniSIA. «La presenza di Sadhguru è un’occasione per rilanciare il ruolo fondamentale di Venezia come “Capitale mondiale della Sostenibilità”, come città capace di ispirare nuovi modelli di sviluppo economico, di business sostenibile, e di attrarre da tutto il mondo i talenti in grado di farlo. A partire dal suo ecosistema così unico ma fragile, Venezia può davvero essere culla di un nuovo Rinascimento guidato dalle imprese, dalle istituzioni e dal mondo della cultura, che sappia coniugare innovazione ambientale, sociale ed economica».
Il viaggio in moto di Sadhguru è iniziato il 21 marzo da Londra. Nell’arco di 100 giorni percorrerà 30.000 chilometri, toccando 26 paesi e facendo tappa a Berlino, Parigi, Roma, Varsavia, Praga, Tel Aviv, Ryiadh, Dubai e altre città, fino a raggiungere l’India. Il movimento “Conscious Planet”, lanciato nel mese di marzo, vuole mobilitare il sostegno dei cittadini e impegnare i governi di tutto il mondo ad avviare un’azione politica.