Progetto europeo dopo Vaia

0
193

Come ricostituire nelle aree colpite da disastri naturali (la tempesta Vaia ne è un chiaro esempio) il manto forestale con specie e varietà vegetali più adatte al clima di oggi e a quello probabilmente più caldo del prossimo futuro? Ma non solo. Per gli operatori di queste aree, quali possono essere le opportunità derivanti dall’introduzione di coltivazioni biologiche temporanee, in particolare di mirtillo e altri piccoli frutti selvatici, e di attività legate all’apicoltura?
Una risposta arriva dal progetto europeo LIFE VAIA (acronimo di “Valuing Afforestation of damaged woods with Innovative Agroforestry” – Valorizzare la riforestazione di boschi danneggiati attraverso l’agroforestazione innovativa), che vede coinvolti ben nove soggetti partner, tra cui Veneto Agricoltura, che il 28 e 29 marzo si incontreranno a Gallio (Vi) per fare il punto sulle attività fin qui svolte e definire quelle previste per il 2022.