PFAS, BOTTACIN: “LA REGIONE NON HA ALZATO I LIMITI”

0
850
Servizio n.307731: 5 Ottobre 2011 - palazzo piloni - BELLUNO (Belluno) - palazzo piloni sede provincia di belluno conferenza stampa post giunta provinciale - gianpaolo bottacin presidente della provincia di belluno - - - fotoblcaberlotto

“La Regione non ha alzato i limiti per quanto riguarda i Pfas, ma si è solo adeguata alla sentenza del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche. Pertanto vanno respinte le accuse di fare gli interessi di qualcuno, come lascia intendere con le sue dichiarazioni il sindaco di Pressana, a meno che non si voglia attribuire ai giudici del Tribunale l’interesse privato”. A precisarlo è l’assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin in merito alle affermazioni del sindaco del comune veronese, apparse oggi sulla stampa, relative alla presenza di Pfas nelle acque che vengono scaricate dal collettore Con­sorzio A.Ri.C.A. (Aziende Riunite Collettore Acque) nel fiume Fratta-Gorzone a Cologna Veneta.  La Regione a fine giugno 2016 aveva rinnovato l’autorizzazione allo scarico del collettore di A.Ri.C.A. prevedendo un percorso graduale di adeguamento, assoggettato alla produzione di un cronoprogramma di azioni e stabilendo il rispetto di limiti provvisori da diminuire gradualmente fino al raggiungimento, a fine periodo di validità dell’autorizzazione, dei valori previsti per l’acqua potabile, secondo il parere dell’Istituto Superiore di Sanità. La Regione si è adeguata alla determinazione ministeriale e questo ha innescato il ricorso presentato dal sistema degli impianti di depurazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here