Mafia, la piovra sul nordest Per la vicepresente Claudia Piaserico “nessuno può trattarla come qualcosa di episodico”. Sta manipolando l’economia. Guardia di Finanza e magistratura in prima linea

0
148

“La Piovra sul Nordest. Come le mafie stanno manipolando l’economia”, Confindustria Vicenza organizza un incontro con Guardia di Finanza e magistratura per conoscere e affrontare il fenomeno mafioso. Sarà infatti aperto a tutti  l’evento con cui Con­findustria Vicenza, con il suo progetto Fabbricare Valo­ri, vuole stimolare una nuova riflessione e presa di coscienza sul territorio sul tema delle infiltrazioni della mafia a Nordest, con particolare focus su tutto ciò che riguarda le PMI. “Il fenomeno, che non è certo iniziato oggi – spiega Claudia Piaserico, vicepresidente di Confi­ndustria Vi­cenza e a capo dell’Advisory Board di Fab­bricare Valori – è emerso con costanza crescente negli ultimi tempi e con impatto tale da essere assurto all’attenzione dell’opinione pubblica come mai prima d’ora. Oramai nessuno può trattarlo come qualcosa di episodico e noi, come rappresentanti del mondo produttivo, non possiamo rimanere a guardare: abbiamo il dovere nei confronti non solo dei nostri iscritti ma anche del nostro territorio, di contribuire a sviluppare gli anticorpi per poter affrontare questo male del nostro Paese. E crediamo che per farlo si debba partire dalla cultura e dalla conoscenza”. Si intitola, quindi, “La Piovra sul Nordest. Come le mafie stanno manipolando l’economia” e si terrà il prossimo 17 ottobre alle ore 17.30 nella la sede di rappresentanza degli Industriali a Palazzo Bonin Longare.“ Per illustrare al mondo delle imprese e alla cittadinanza quali siano i termini con cui si manifesta il metodo mafioso e anche cosa può fare un singolo o una comunità per affrontare questo fenomeno – continua Piaserico -, abbiamo invitato tre relatori di particolare prestigio, ognuno con un differente ambito di azione, per poter essere i più completi possibile”. Sul palco di Palazzo Bonin Longare si alterneranno, quindi, le esperienze del comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza, il colonnel Cre­scenzo Sciaraffa, la presidente della Sezione Riesame del Tribunale di Venezia Licia Consuelo Marino, la coordinatrice della DDA della Procura di Milano Ales­sandra Dolci, il tutto moderato da Antonio Calabrò, consigliere delegato e direttore della Fondazione Pirelli, vicepresidente di As­solombarda e componente del board di Fabbricare Valori, che alla testimonianza di chi non si è arreso alla mafia ha dedicato una parte importante della propria produzione giornalistica e letteraria. Crediamo fortemente – conclude la vicepresidente di Confindustria Vi­cenza – che ospitare questi temi nelle sedi delle organizzazioni imprenditoriali possa essere un segno forte dell’impegno a combattere questo fenomeno da parte della società civile, oltre che da quello dei rappresentanti dello Stato”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here