IL VENETO PERDE VITTORIO COIN

0
1629

Lutto per il mondo imprenditoriale veneto e italiano: è morto all’età di 78 anni l’impr­enditore Vittorio Coin, ex manager dell’omonimo gruppo di famiglia, una catena italiana di grandi magazzini non alimentare che opera nei settori dell’abbigliamento, della bellezza e dell’home decoration. La famiglia ha invitato tutti a non inviare omaggi floreali, ma a devolvere un’offerta all’associazione per la ric­erca sul cancro (Airc) di cui lo stesso Coin è stato presidente per oltre 25 anni. Vittorio Coin lascia la moglie Yaya, sposata in seconde nozze, e due figli Piero e Francesca.  Nato nel 1939 da Aristide, Vittorio Coin era il nipote dell’omonimo fondatore del gruppo  che aveva ottenuto la licenza come venditore ambulante di tessuti e mercerie in provincia di Venezia nel 1916. Succeduto a nonno e genitore, Vittorio Coin ave­va assunto la guida del gruppo nel 1974 assieme al fratello Piergiorgio quando il marchio era ormai diventato una cate­na della grande distribuzione. “Ci ha lasciato un grande con­dottiero dell’impresa ven­eta e del vero ca­pitalismo sociale di cui questa terra è madre: con Vittorio Coin il Ve­neto per­de non solo un veneziano appassionato, un im­pre­nd­itore illu­min­a­to che ha saputo portare e far crescere in ogni parte del mondo l’impresa di famiglia, ma soprattutto un imprenditore sociale, attento e sensibile alla sa­ni­tà, alla ricerca, all’u­niver­sità,. Vit­torio Co­in è stato in tutto e per tutto un vero ambasciatore del Ve­net­o” ha spiegato il governatore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here