GHIACCIO: UTILIZZATI 800 QUINTALI DI SALE

0
1697

Tutti gli uomini e tutti i 30 mezzi spargisale della Provincia di Padova sono operativi nei 1100 chilometri di strade a competenza provinciale. La zona più colpita dalla neve misto ghiaccio scesa dalle prime ore è la Bassa padovana. Sono stati finora utilizzati oltre 800 quintali di salgemma di cava. “I mezzi sono in strada dalle 6, ma i nostri uomini già dalle 5 stavano monitorando la situazione – ha spiegato il presidente della Nu­ova Provincia di Padova Enoch Soranzo – purtroppo si tratta di un intervento ancora più difficile di quelli già eseguiti nei giorni scorsi. Questa pioggia mista neve ha formato una lastra di ghiaccio che è penetrata nel manto stradale e in questi casi il sale che viene sparso per prevenzione, ha una maggiore difficoltà a sciogliere la patina in maniera veloce ed efficace. A questo si sta aggiungendo il fatto che la temperatura non aumenta, il traffico autostradale è andato in tilt rendendo più critica la situazione lungo le strade. Colgo anzi l’occasione per raccomandare davvero la massima prudenza alla guida, l’uso di gomme invernali e il rispetto di una velocità moderata. Rac­comando la massima attenzione anche ai pedoni, in particolare agli anziani e ai genitori con bimbi perché i marciapiedi sono particolarmente scivolosi”. La Pr­ovincia di Padova è inoltre intervenuta insieme al personale di BusItalia Veneto in soccorso degli utenti che nelle prime ore del mattino attendevano i bus in particolare nelle zone dei Colli Euganei. “Il personale della Provincia insieme agli addetti di Busitalia – ha aggiunto il consigliere provinciale Fabio Bui – hanno provveduto a prelevare con automobili gli utenti in attesa dei bus lungo le strade in salita delle zone collinari. La particolare precipitazione che ha bloccato anche l’autostrada ha reso ancora più difficoltosa la circolazione e gli interventi dei mezzi spargisale che comunque resteranno all’opera fino alla completa copertura di tutta la rete provinciale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here