BABY ECONOMIA IN CLASSE A BERGANTINO

0
758

Per tutti la prima consapevolezza del valore del denaro si è sviluppata da bambini, a scuola, quando si insegnava, tra le righe, il valore del risparmio ed è continuata a casa, prima con il salvadanaio a forma di porcellino e, più tardi, con la prima “paghetta”. Nella convinzione che il risparmio si impara da piccoli, su iniziativa delle insegnanti Monica Pellicciari ed Anna Roveroni, si è svolto nei giorni scorsi un interessante incontro presso la Scuola primaria “A. Manzoni” di Bergan­tino che ha avuto per protagonisti gli alunni delle classi quarta e quinta. Obiettivo dell’iniziativa, realizzata con la collaborazione di Ro­vigoBanca, sviluppare le prime conoscenze in tema di gestione responsabile del denaro.I ragazzi, attraverso gli interventi di Bruno Candita, responsabile del progetto “RovigoBanca incontra la Scuo­la”, e di Stefano Ferri, direttore della locale filiale dell’istituto di credito cooperativo, hanno vissuto una mattinata all’insegna del ris­parmio, per capirne i valori e le mo­tivazioni di fondo. Nel corso dell’incontro i giovani studenti hanno di­mostrato entusiasmo e partecipazione. Dai molteplici interventi è emerso che la maggior parte di loro era già a conoscenza di qual è l’attività principale di una banca, ovvero la raccolta e la custodia dei risparmi che sono poi prestati a chi ne ha bisogno. «Tuttavia, queste conoscenze da sole non bastano. – ha concluso Candita – Sebbene l’educazione economica non faccia parte dei programmi scolastici, affrontare questi temi è diventata oramai una necessità culturale di estrema importanza».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here