Alzheimer, le linee del piano triennale

0
250

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza. L’evento regionale “Le linee di azione del Piano Triennale del Veneto (2021-23). Il change management del Disturbo Neurocognitivo”, che si terrà mercoledì 21 settembre dalle 9.30 alle 13.00, alla presenza dell’assessore alla Sanità e alle Politiche sociali, presso l’Auditorium Padiglione Rama dell’Ospedale all’Angelo di Mestre non solo vuol celebrare la giornata mondiale dell’Alzheimer, ma rappresenta un’occasione per condividere le priorità di un’organizzazione sanitaria che vuole creare valore e sostenibilità nella cura ed assistenza delle persone con Disturbo Neurocognitivo (DNC), proponendo di allargare i propri orizzonti ad un nuovo approccio clinico-assistenziale che contempli opportunità innovative di Smart Healthcare.
“I progressi in ambito scientifico e l’introduzione di approcci innovativi per superare la logica a silos e la frammentazione delle cure, rappresentano un’importante sfida organizzativa per il sistema sanitario. Far fronte ai nuovi bisogni di salute legati al modificarsi dell’epidemiologia e dell’ambiente significa anche rendere sostenibili nel tempo i progressi raggiunti e riuscire a garantire un adeguato accesso alle cure. Smart Healthcare non significa solo nuove tecnologie per prevenzione, diagnosi e cura, ma include interdisciplinarità, un ruolo più attivo dei pazienti e una migliore gestione dei dati” – sottolinea la dottoressa Cristina Basso, referente scientifico dell’evento e referente Regionale al Tavolo Nazionale delle Demenze. Su questa traiettoria sono state sviluppate le linee di azione del Piano Triennale del Veneto (2021- 23) che privilegiano l’intercettazione precoce del DNC, il mantenimento dell’autonomia nella vita quotidiana attraverso la riabilitazione e la vita attiva e una presa in carico integrata, multidisciplinare e continuativa in cui la persona che riceve questa diagnosi ha un ruolo attivo nel proporre soluzioni concrete in risposta alle proprie reali esigenze.
L’evento è destinato a Direttori Sanitari, Direttori del Sociale, Professionisti dei Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze, medici e infermieri dei Distretti Socio-Sanitari, medici di medicina generale, psicologi, infermieri, logopedisti, fisioterapisti, terapisti occupazionali, educatori e assistenti sociali, associazioni di pazienti e familiari. Si parlerà anche delle linee di azione del Piano Triennale del Veneto (2021-23), recentemente approvato e finanziato dal Fondo per la Malattia di Alzheimer e le Demenze (961 mila 816 euro per gli anni 2022-23).