Via il tricolore sul grappa al suo posto la serenissima Donazzan: gesto inqualificabile, lo rimettero al suo posto

0
548

In tempo di referendum e di dibattiti sull’autonomia, può succedere anche questo: dal monumento sul monte Grappa, come scrive Il Giornale di Vicenza, sparisce la bandiera Tricolore. Al suo posto il vessillo oro e granata della Serenissima. La segnalazione è arrivata da un pensionato di Romano d’Ezzelino, Domenico Chemello, già ai vertici del locale gruppo Ana, l’associazione nazionale alpini. «Lungo la provinciale Cadorna, poco dopo le gallerie in località Costalunga – spiega – sono state erette decenni fa tre colonne mozze in memoria di tutti i caduti sul massiccio: civili, lavoratori ed escursionisti. È un monumento gemello di quello sull’Ortigara e ne è parte integrante il pennone con il Tricolore. Solo che da qualche tempo il Tricolore non c’è più. Qualcuno l’ha sostituito con la bandiera della repubblica di Venezia. Così non va proprio: chiedo che il vessillo nazionale, bianco, rosso e verde torni al più presto al proprio posto». Da Venezia, interviene anche l’assessore all’istruzione Elena Donazzan: «Un gesto inqualificabile e oltraggioso, tanto più che siamo nel centenario della Grande guerra. Se non ci pensano le autorità, andrò io a rimettere il Tricolore sul pennone».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here