Tutela consumatori e difesa dalle truffe

0
235

Il 56,6% degli italiani teme di mettere a rischio la propria sicurezza mentre svolge operazioni bancarie, operazioni di lavoro e acquisti on line. E il 34,7% degli italiani è preoccupato del libero accesso ad Internet dei minori, con valori che raggiungono quasi il 50% tra gli anziani (fonte: Rapporto Censis-Verisure con il contributo del Ministero dell’Interno).
A fronte di un fenomeno che, in parallelo con l’utilizzo sempre più esteso delle nuove tecnologie nell’ambito delle compravendite e dei pagamenti, sta crescendo per numeri e casistiche, UniCredit e Adiconsum, in collaborazione con Fnp Cisl, organizzano un incontro aperto alla cittadinanza per affrontare insieme l’argomento truffe.
Nel corso dell’incontro, in programma martedì 7 novembre , alle 14:30, presso la Sala Pastore della Cisl (Lungadige Galtarossa 22/D), attraverso l’intervento di esperti, verranno approfonditi temi relativi alla sicurezza bancaria, con focus sia sulle truffe online che su quelle fisiche, come i prelievi fraudolenti effettuati agli sportelli bancomat.
Dopo i saluti introduttivi di Viviana Fraccaroli (Fnp Cisl Verona), Davide Cecchinato (Presidente Adiconsum Veneto) e Alessandra Maria Lombardi (Responsabile Retail Nord Est UniCredit), è previsto l’intervento di Renato Perrone (Antifraud UniCredit) che illustrerà le tipologie di truffa più diffuse, fornendo indicazioni su come prevenirle e difendersi.
Chiuderà i lavori Davide Cecchinato che si soffermerà sulle prime azioni da mettere in atto a seguito di un tentativo di truffa andato a buon fine.
L’iniziativa è realizzata nell’ambito di Noi&UniCredit, il programma di collaborazione fra la banca e le Associazioni dei Consumatori avente l’obiettivo di accrescere la tutela e la consapevolezza dei cittadini-consumatori sulle principali tematiche bancarie e finanziarie, a cui Adiconsum partecipa attivamente dal 2005.
L’incontro è stato inoltre accreditato presso la Regione del Veneto nell’ambito progetto sperimentale di educazione digitale “Digitalmentis”.