SGOMINATE DUE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI ITALO – ALBANESI

0
899

«Un grande colpo contro una nuova forma di malavita, strisciante, organizzatissima, oltremodo pericolosa: l’industria dell’immigrazione clandestina. Rivolgo un ringraziamento riconoscente alla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Venezia, al Procuratore Adelchi d’Ippolito e agli uomini e donne della Polizia di Frontiera di Venezia e Verona». Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia commenta «con grande soddisfazione» l’operazione che ha portato a sgominare due organizzazioni criminali italo-albanesi, con basi operative anche a Conegliano e Verona, che gestivano un lucroso traffico di immigrazione irregolare verso Londra e il Regno Unito. «Un’operazione di legalità brillante e difficile – aggiunge Zaia – che conferma l’esistenza di un fenomeno migratorio clandestino vasto e gestito direttamente dalla malavita, con ingenti proventi illeciti e con risvolti inquietanti, perché attraverso questi canali può arrivare ovunque letteralmente di tutto, anche delinquenti comuni o terroristi. Gli investigatori veneti hanno dato un segnale forte, che va colto a livello nazionale, in un Paese dove l’immigrazione clandestina agisce con troppa facilità e la criminalità organizzata si è di fatto impossessata anche del fenomeno immigratorio dal Nordafrica». «Chi aveva dubbi sul fatto che l’immigrazione non sia composta solo di profughi (un terzo del totale) – conclude Zaia – ma costituisca anche un enorme business, sia negli aspetti legali che in quelli criminali, è accontentato».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here