Se a 50 anni si volta pagina

0
170

In ogni fase della vita capita di sentire ad un certo punto la necessità di affrontare un cambiamento. Le ragioni che ci spingono possono dipendere da molte cose: da un momento di incertezza, da una perdita, dalla noia. Anche l’età ci porta naturalmente verso alcuni cambiamenti: magari chi faceva parapendio ogni settimana, a 50 anni preferisce stare con i piedi ben saldi per terra. Sono fasi della vita che incontriamo tutti. Certo, affrontare un cambiamento a 20 anni è sicuramente un’esperienza molto diversa rispetto al viverlo a 50 anni.
Generalmente dopo i 50 anni gli schemi e i costrutti della nostra mente sono più radicati e i cambiamenti ci spaventano di più, perché pensiamo di aver già fatto tutte le scelte importanti della vita, di aver già vissuto tutte le esperienze che potevano formarci.
In parte questo è vero, ma non dobbiamo cadere nel tranello della convinzione limitante del “tanto ormai…”. Possiamo vedere i nostri 50 anni come fonte di tante risorse: esperienza, vissuti importanti, autorevolezza, fiducia data dall’esserci sperimentati nella vita. Insomma: trasformiamo l’arrendevolezza nella convinzione di avere qualcosa in più rispetto a quando eravamo più giovani. Non sempre l’età ci toglie qualcosa ma, anzi, aggiunge soprattutto talenti nella nostra vita. Rendiamoci conto che affrontare un cambiamento a 50 anni significa farlo con maggiore consapevolezza, con grande esperienza alle spalle per aiutarci a superare gli ostacoli che ci troveremo ad affrontare e con più relazioni umane a cui appoggiarci.
Focalizzarsi solo su un grande cambiamento improvviso può spaventare. La paura nasce da ciò che ci è ignoto, da ciò che non conosciamo. Partiamo, perciò, dall’osservare con attenzione il nostro desiderio, individuando tutti i passaggi che dobbiamo percorrere per raggiungerlo. Piccoli obiettivi, a breve termine, ci appariranno sicuramente meno spaventosi e più realizzabili. Affrontando il tutto con più calma, inizieremo il nostro percorso di cambiamento senza neppure accorgercene.
Il mio consiglio, quando si affronta un cambiamento e a qualsiasi età questo avvenga, è di partire da sé stessi e avviare un dialogo con sé stessi. Cerchiamo di capire cosa ci spinge a cambiare e assicuriamoci che sia davvero un nostro desiderio e non la volontà di accontentare qualcun altro o, tanto meno, di adeguarsi ad uno standard che non ci appartiene. Tutti i cambiamenti devono partire dentro di noi!
Non poniamoci però dei limiti. Siamo sempre in tempo per fare nuove esperienze, per imparare cose nuove e per intraprendere strade che non avevamo mai percorso. Sognare in grande è giusto ad ogni età e lo è anche trasformare i nostri desideri in obiettivi e realtà. Gli ostacoli sono solo nella nostra mente e nella nostra volontà; possiamo rimuoverli solo noi.

Tiziana Recchia*

*Fondatrice, titolare e amministratrice di Cassiopea. Da quasi 30 anni e business e life coach, si occupa di formazione e supporta le aziende nei momenti di cambiamento. Collabora con la redazione de “La Cronaca” per portare il suo punto di vista esperto nel mondo del business.

Abbiamo già aiutato diverse aziende ad avvicinarsi al concetto di antifragile e ad acquisire una configurazione agile ed efficace. Puoi leggere le loro testimonianze, sul nostro blog. Per sapere come possiamo essere utili alla tua organizzazione, scrivimi a tiziana@cassiopeaweb.com o contattami al 347 1513537.