Produrre il prosecco docg costa molto più dello champagne

0
125

Produrre il Prosecco Docg costa molto di più che produrre Champagne. Lo afferma senza messi termini Sandro Bottega, a capo dell’azienda vinicola trevigiana che porta il suo nome, da tre mesi classificata come “grande azienda”. Bottega ha preso spunto dalle affermazioni di Luca Zaia che non vuole più firmare decreti per piantare nuovi vigneti. “Ho già presentato a cento giornalisti stranieri”, dice l’imprenditore veneto, “ i costi per produrre il Prosecco, onde far comprendere la bontà del nostro lavoro e la qualità del nostro vino. I costi di coltivazione e quindi di produzione sono ben più elevati ma i produttori veneti dovrebbero valorizzare meglio il Prosecco. Le pendenze dei vigneti, specie le rive, richiedono per la coltivazione manuale si un ettaro circa 480 ore di lavoro l’anno contro poco più della metà di quelle dei colleghi francesi che possono utilizzare determinate macchine agricole. I costi degli impianti di spumentizzazione sono elevatissimi mentre per lo Champagne l’imbottigliamento direttamente in bottiglia permette di effettuare tutte le operazioni senza grandi investimenti. Il Cava spagnolo, prodotto con lo stesso metodo dello Champagne, ha prezzi dimezzati rispetto al Prosecco e 5 volte inferiori a quello dello Champagne. I costi di coltivazione per ettaro” dice ancora Bottega, “ammontano a 10 mila euro l’anno per noi e a 7500 per il vino francese. L’am­mortamento degli investimenti produttivi è quantificabile in 0,20 centesimi ogni bottiglia da 75 cl di Prosecco Superior Docg e in 0,05 centesimi ogni corrispondente bottiglia di Champagne. I coltivatori e le aziende venete dovrebbe avere maggiore consapevolezza nel valorizzare pienamente il nostro Prosecco e non dovrebbero essere premiati quelli che vendendo a minor prezzo, grazie al gioco del ribasso, hanno ottenuto più quote di mercato”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here