Pfas, ultimatum all’ex-Miteni

0
213

La Regione del Veneto insieme a Comune di Trissino e Provincia di Vicenza, e tutti gli enti coinvolti, impongono alla proprietà dell’ex-Miteni di presentare i progetti di bonifica dell’area dell’ex-stabilimento produttivo di Trissino (VI) entro il 31 dicembre prossimo per poter intervenire quanto prima. Questo l’esito della Conferenza dei Servizi relativa al procedimento di bonifica/messa in sicurezza dell’area “Miteni spa” in località Colombara di Trissino che a Vicenza ha visto intorno ad un tavolo tutti gli enti coinvolti. Compiuta l’analisi tecnica dell’attuale situazione del sito, considerato che a novembre 2018 è stato presentato dalla società Miteni il progetto di bonifica, visti i tempi trascorsi e considerando i risultati delle ultime analisi sui pozzi della barriera idraulica, gli enti hanno deciso di procedere senza indugi fissando una scadenza perentoria. La proprietà dovrà presentare, entro il 31 dicembre 2019, l’aggiornamento del documento di analisi del rischio per i suoli e, sempre negli stessi termini, il progetto di bonifica delle acque di falda. Decorso inutilmente il termine del 31 dicembre, gli enti procederanno con l’intervento pubblico sostitutivo in danno dei soggetti responsabili. Nella seconda parte della Conferenza c’è stato un confronto con i rappresentanti della proprietà accompagnati dal curatore fallimentare, durante il quale sono stati analizzati i progetti previsti e verificata la possibilità che siano presentati secondo il termine previsto. “In questo modo abbiamo una data certa per il progetto che permetterà l’avvio della bonifica del sito dell’ex-Miteni – ha spiegato Gianpaolo Bottacin, assessore regionale all’ambiente – dunque, fino a questo punto, la Regione ha fatto tutto ciò in suo potere in materia. Abbiamo anche messo a disposizione 3 milioni di euro per la bonifica. Adesso per agire rapidamente è fondamentale che, quanto prima, il Governo accolga la richiesta del presidente Zaia di nominare un commissario straordinario per la bonifica dell’area ex-Miteni”. “La legge nazionale prevede che il responsabile dell’inquinamento intervenga con la bonifica, ma l’iter è molto lungo – ha detto in dettaglio Bottacin – prima deve essere fatta un’indagine preliminare sui livelli delle concentrazioni di soglia di contaminazione, quindi un piano di caratterizzazione e successivamente la procedura di analisi del rischio. Poi, finalmente, il responsabile dell’inquinamento deve predisporre il piano di bonifica e, infine, intervenire con la bonifica. Questo prevede la legge nazionale con tempi lunghissimi. E, nel frattempo, non è previsto che l’ente pubblico possa sostituirsi nelle opere di bonifica. Salvo che non si gestisca la bonifica in maniera commissariale. Ciò che ora la Regione chiede”. Non è mancata poi la polemica con la grillina Francesca Businarolo, alla quale Bottacin ha ricordato che il ministro dell’Amambiente è sempre lo stesso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here