Pfas, tocca allo Stato fare una legge

0
2163

“Chi cerca, trova. Leggendo il verbale della Commissione Bicamerale Ecoreati, mi viene subito alla mente un paragone con la situazione sanitaria che abbiamo vissuto a causa del Covid-19 e che, purtroppo non abbiamo ancora superato. Il Veneto è stata, infatti, tra le regioni che ha effettuato più tamponi per motivi preventivi e diagnostici e la prima in Italia e in Europa che ha dovuto affrontare il problema dei Pfas, creato dalla Miteni, costringendola ad attrezzarsi velocemente per avviare monitoraggi e interventi mirati per la sicurezza e la salute dei propri cittadini. Per entrambi i motivi, invece di aver evidenziato l’operato di valore della Regione del Veneto, per diverso tempo abbiamo dovuto ascoltare polemiche puramente strumentali. Ora, finalmente, si mette in evidenza non solo che il Veneto non è l’unica regione ad essere stata colpita dalle sostanze perfluroalchiliche, ma che è stata l’unica ad essersi mossa per prima per arginare il problema”.
Sono le parole espresse dall’Assessore all’Ambiente della Regione del Veneto, Gianpaolo Bottacin, dopo aver letto la relazione presentata dalla Commissione Bicamerale Ecomafie relativamente ai Pfas.
Finalmente sta emergendo la verità: non solo il Veneto, ma anche altre regioni settentrionali e, non solo, stanno scoprendo di essere state colpite da queste sostanze. Alcune, inoltre, non lo sanno ancora in quale stato di salute si trovi il proprio territorio in quanto non si sono attrezzate adeguatamente per affrontare il monitoraggio.
“Ribadisco – ha continuato l’Assessore – che servono urgentemente limiti di legge nazionali altrimenti le procure saranno in difficoltà ad affrontare tutte le denunce che emergeranno da qui in avanti. Anche questo lo dico da anni e, finalmente, è la stessa Commissione a riconoscere che la competenza nel fissare i limiti “spetta inequivocabilmente!” allo Stato. Auspico, pertanto, che lo Stato agisca al più presto in modo tale da prevenire ed evitare altre tragedie ambientali e sanitarie su cui il Veneto, per primo, ci ha fatto i conti e ci ha messo la faccia, senza però perdere tempo e agendo con azioni forti”.