Ospita api da miele per biodiversità

0
227
da sinistra: Giulia Putin, Direttore Ufficio Acquisti di Serenissima Ristorazione, Giacomo Zanconato, tecnico apistico specializzato di Apicoltura Urbana, Maria Leida Putin, Responsabile Ufficio Qualità del Gruppo Serenissima Ristorazione
da sinistra: Giulia Putin, Direttore Ufficio Acquisti di Serenissima Ristorazione, Giacomo Zanconato, tecnico apistico specializzato di Apicoltura Urbana, Maria Leida Putin, Responsabile Ufficio Qualità del Gruppo Serenissima Ristorazione

Collaborazione con Apicultura Urbana. Saranno protetti 240 mila preziosi insetti

 

Serenissima Ristorazione, tra i Gruppi leader nel settore della ristorazione collettiva e commerciale, con 14 società collegate, più di 10.500 dipendenti e un fatturato in crescita che nel 2023 supererà i 500 milioni (dati di preconsuntivo), ha installato 4 arnie per api mellifere, che ospiteranno circa 240mila esemplari, presso il giardino del Castello medievale Bissari Sforza Colleoni a Costabissara in provincia di Vicenza, una delle sedi di Serenissima Ristorazione.

L’iniziativa, in collaborazione con Apicoltura Urbana, leader di servizi legati alla biodiversità da quasi 10 anni, rientra nelle azioni intraprese da Serenissima Ristorazione per la sostenibilità ambientale, con particolare attenzione alla conservazione della biodiversità grazie alla presenza delle api nell’ambiente e alle loro attività di impollinazione.

“Il mondo delle api è responsabile di oltre il 75% del cibo sulle nostre tavole e si stima che ogni anno venga perso il 40% degli alveari a causa dei metodi di agricoltura intensiva.

È su questo presupposto che abbiamo avviato questa collaborazione con Apicoltura Urbana, perché il cibo, la biodiversità e l’ambiente sono legati al nostro settore e alla nostra strategia di crescita.

Crediamo fermamente che l’impegno delle imprese verso la sostenibilità sia in grado di generare un enorme valore e siamo particolarmente orgogliosi di essere la prima impresa del settore della ristorazione collettiva in Veneto ad avere avviato un progetto con Apicoltura Urbana, da quasi 10 anni impegnata ad aiutare le api in territori urbanizzati per contrastare la crescente perdita degli habitat a causa dei cambiamenti climatici – commenta Maria Leida Putin, Responsabile Ufficio Qualità del Gruppo Serenissima Ristorazione.

Le api infatti hanno un ruolo fondamentale per preservare la biodiversità ambientale: secondo i dati
della Fao il 90% delle specie di piante dipende dall’impollinazione degli insetti e oltre il 75% delle
colture alimentari e del cibo dipende dall’azione di impollinazione.

Le api sono inoltre sentinelle dell’ambiente che le circonda e gli esemplari protetti dal Gruppo Serenissima Ristorazione sono in grado di coprire quasi 2900 ettari di terreno al giorno, equivalenti a circa 4060 campi da calcio.

Apicoltura Urbana si avvale di tecnologie all’avanguardia per seguire la salute delle api, proteggerle dai rischi del cambiamento climatico e tutelarne l’esistenza

“Siamo entusiasti di collaborare con Serenissima Ristorazione, azienda all’avanguardia sui temi della sostenibilità ambientale nel settore della ristorazione collettiva.

L’installazione di questi 4 alveari è un passo importante per la tutela della biodiversità locale.

Le api sono fortemente legate al cibo che mangiamo ogni giorno.

Grazie a questa collaborazione, potremo sensibilizzare il pubblico sull’importanza di questi insetti e promuovere politiche alimentari più sostenibili” – dichiara Giuseppe Manno, fondatore di Apicoltura Urbana.