OLIMPIADI, SI VA A CACCIA DI 42 VOTI LA VOTAZIONE DEL CIO È PREVISTA PER LUNEDÌ

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sarà a Losanna lunedì per la votazione del Cio che assegnerà i Giochi olimpici invernali 2026, per i quali sono in lizza Milano-Cortina e Stoccolma-Aare. La presenza del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lunedì a Losanna, per l’assegnazione dei giochi invernali del 2026 “è un segnale importante. Un segnale che non è la Lombardia o il Veneto, o Milano e Cortina, ma è l’Italia a chiedere le Olimpiadi”. Lo ha sottolineato il governatore lombardo, Attilio Fontana, a margine degli Innovations Days promossi da Gruppo 24 Ore, parlando della candidatura olimpica di Milano e Cortina. “Abbiamo tutto il sistema Paese alle nostre spalle, e gran parte dei cittadini – ha aggiunto -, i sondaggi che sono stati fatti parlano chiaro, vuole che le Olimpiadi si svolgano in Italia. È una dimostrazione di compattezza, voglia ed entusiasmo che dovrà essere preso in considerazione”. Vedere assegnati i Giochi invernali 2026 a Milano-Cortina “sarebbe un sogno enorme. Io tra l’altro avrò un treno che mi porterà da Milano a Losanna con la mia amica e conterranea Michela Maioli, oro nello snowboard cross a Pyeongchang, e dovremmo fare anche un breve discorso in inglese davanti la commissione del Cio per convincerli a dare quell’ultimo tocco alla candidatura italiana nella quale crediamo”. Così, a pochi giorni dal voto per l’assegnazione dei Giochi, la campionessa olimpica Sofia Goggia, intervistata da Rtl 102,5. “Credo immensamente nel potenziale dell’Italia e, in ottica Olimpiadi, credo tanto in questo progetto che andrà a valorizzare davvero tutto il territorio senza costruire cattedrali nel deserto come successo per precedenti Giochi e sarà veramente un motivo per sostenere il nostro Paese, modernizzare le strutture già preesistenti in giro per le Alpi’. La sfida, lo ricordiamo, è contro le svedesi Stoccolma-Aare – dopo il ritiro nel corso dell’ultimo anno della svizzera Sion, della giapponese Sapporo, dell’austriaca Graz e della canadese Calgary. La città turca di Ezurum è invece stata scartata dallo stesso Cio. A Milano-Cortina serviranno almeno 42 voti per ottenere i Giochi olimpici invernali del 2026. Le diplomazie italiana e svedese sono dunque al lavoro in questi giorni in cui si definisce anche l’elettorato del ‘parlamento’ del Comitato Olimpico Internazionale al voto lunedì: al netto dei tre componenti italiani e dei due svedesi – in quanto parti in causa con le candidature dei Paesi -, e il presidente del Cio Thomas Bach che di prassi non esprimono preferenze, non hanno confermato la presenza alla sessione del Cio Losanna la 34enne tiratrice slovacca Danka Bartekova e due delle otto teste coronate presenti nel Cio: Henri, Granduca di Lussemburgo, e Jigyel Ugyen Wangchuck, principe ereditario del Bhutan.