Mercato del lavoro, bilancio positivo

0
176

Nonostante la fisiologica flessione registrata nell’ultimo mese, rimane positivo il bilancio occupazionale del mercato del lavoro veneto nell’arco di questo 2023, che tra gennaio e novembre registra un aumento di 48.200 posizioni di lavoro dipendente, un risultato migliore sia rispetto allo scorso che al periodo pre-pandemico del 2019. Anche l’ammontare delle assunzioni, complessivamente 590.000 in questi 11 mesi, continua ad essere il più alto osservato nell’ultimo quinquennio. Cresce in particolare il reclutamento di lavoratori più maturi (+4% tra gli over 55).
Il saldo del solo mese di novembre è negativo, come sempre in questo periodo dell’anno, per -8.900 posizioni lavorative e risulta condizionato dal posticipo della chiusura della stagione turistica estiva, oltre che da un nuovo rallentamento della domanda di lavoro in alcuni comparti del settore industriale, ma è ancora migliore di quello registrato nel 2019 (-12.800) quando si intravedevano i primi segnali di rallentamento occupazionale che hanno caratterizzato l’intero periodo della pandemia.
Aumentano i posti di lavoro a tempo indeterminato (+3.700 nel mese di novembre), anche se la dinamica espansiva che ha caratterizzato l’ultimo anno si conferma in attenuazione (-3% a novembre), mentre il bilancio del lavoro a termine risente delle conclusioni contrattuali della stagione estiva e segna una diminuzione di 12.500 posizioni di lavoro. Continua a crescere il part time (+4% nel periodo gennaio-novembre e +7% nell’ultimo mese), soprattutto in relazione agli uomini e a settori quali agricoltura e alcuni ambiti del terziario. Il bilancio del 2023 è positivo in tutte le province del Veneto con l’eccezione di Belluno (-1.800 posti di lavoro), condizionato, nei mesi autunnali, dall’impatto delle conclusioni contrattuali della stagione turistica estiva. Saldo positivo e in rafforzamento a Verona (+14.200 contro +12.500 del 2022), mentre si mantiene sui livelli dello scorso anno a Venezia (+10.100), Padova (+9.500), Vicenza (+6.500), Treviso (+6.900) e Rovigo (+2.800). La domanda di lavoro rimane sostenuta e in aumento a Venezia e Verona e sui livelli del 2022 o in lieve calo negli altri territori.
L’agricoltura si conferma uno dei settori maggiormente in salute di questo 2023, grazie ad aumento di 7.800 posti di lavoro e a una contrazione delle cessazioni.