Maltempo, è allerta rossa

0
253

Nella sede della Provincia, l’Unità di Crisi della Protezione Civile Regionale convocata dalla Regione per fare il punto sulle evoluzioni della situazione meteo l’assessore regionale Giampaolo Bottacin ha comunicato un aggiornamento. “Le previsioni meteo dicono che, dopo una pausa, da sabato pomeriggio è previsto un nuovo peggioramento delle condizioni per circa 24 ore – spiega l’assessore regionale all’ambiente e Protezione Civile della Regione del Veneto – a preoccupare sono le precipitazioni intense, attese in particolare nella parte orientale della pianura veneta, ma soprattutto la previsione di vento forte in quota, che rende particolarmente elevato il rischio valanghe”. Poi ci sono i problemi contingenti delle attività commerciali. L’acqua alta ha messo in ginocchio la città costringendo molte a non aprire, ma nonostante questo le farmacie hanno tenuto le serrande alzate garantendo il servizio. Non si tratta solo di erogare farmaci in mezzo a mille criticità, ma anche di fornire supporto alla comunità ed ai cittadini che sono in difficoltà in particolare le fasce più deboli della popolazione. I farmacisti continuano lavorare e si confermano il primo presidio sanitario del territorio. Il mio grazie va ai colleghi che stanno facendo un lavoro enorme dando così un grande segnale di vicinanza ai veneziani”. Così il presidente di Federfarma Venezia, Andrea Bellon, spiega quello che sta succedendo e rassicura i cittadini sull’attività delle farmacie. “Purtroppo le farmacie non sono state risparmiate: migliaia di confezioni disperse o danneggiate, computer ko e rete elettrica intermittente. Questa la condizione delle farmacie a Venezia, eppure, nonostante i gravi danni e le difficoltà causate dall’inondazione, quasi tutte hanno riaperto oggi e garantiscono almeno il servizio. Quasi tutte le farmacie del centro storico veneziano – prosegue – hanno riportato danni, più o meno gravi. I trasporti di medicinali sono stati ieri completamente bloccati, ma oggi è ripresa parzialmente l’attività. La rete elettrica è tuttora solo parzialmente funzionante e la maggior parte dei colleghi ha i computer inutilizzabili, cosa che costituisce un grave problema per la gestione della ricetta elettronica, ma anche stavolta i farmacisti hanno dato un segnale di spirito di servizio importante: tutte le farmacie sono aperte e si cerca di fare quello che si può in una situazione di emergenza e in un contesto cittadini in cui la stragrande maggioranza dei negozi, anche di beni di prima necessità, sono per lo più chiusi».Intanto ill sindaco Luigi Brugnaro è stato nominato commissario per l’emergenza. “Con lui ho fatto un sopralluogo a Venezia. La situazione è complessa ma lo Stato c’è e il Governo è pronto a fare tutto ciò che è necessario per proteggere questa preziosa”. Così in un tweet il ministro per i Rapporti con il Parlamento il bellunese Federico D’Incà.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here