Librerie indipendenti, 17% del mercato

0
136

Si è concluso a Venezia, alla Fondazione Giorgio Cini nell’Isola di San Giorgio Maggiore, il XLI Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri, consueto e atteso appuntamento organizzato dalla Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri con il contributo di Messaggerie Libri e Messaggerie Italiane e in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori, l’Associazione Librai Italiani, e il Centro per il Libro e la Lettura.
Il Seminario si è svolto in presenza, mantenendo la modalità online per consentire agli operatori della filiera editoriale di partecipare da remoto alla Giornata conclusiva, curata da Stefano Mauri e coordinata da Giovanna Zucconi e dal tema “Le nuove sfide”.
Ad aprire i lavori sono stati Stefano Mauri (Vicepresidente della Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri) e Alberto Ottieri (Presidente della Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri) con gli Scenari economici di mercato, cui sono seguiti gli interventi Proiezioni per il 2024: dove va la spesa delle famiglie italiane? di Angelo Tantazzi (Presidente di Prometeia) e Il mercato del libro in Europa di Ricardo Franco Levi (Presidente della Federation of European Publishers) con la presentazione dei dati AIE del mercato del libro 2023.
“Voglio ricordare soprattutto Achille Mauri, Presidente della Scuola Mauri e della Fondazione e anima della Scuola. Non lo dimenticheremo facilmente per il suo carattere generoso e vitale” dichiara Alberto Ottieri. “Il mondo del libro è molto cambiato in questi decenni, per la maggior pressione competitiva sui librai dovuta al progressivo allargamento dei canali di vendita, tra i quali c’è l’e-commerce. Oggi le librerie indipendenti coprono il 17% del mercato. La formazione gestionale e il continuo aggiornamento professionale giocano un ruolo sempre più centrale nella competizione di mercato. I librai nascono con la passione, la curiosità e l’entusiasmo per i libri, i lettori e gli autori. Senza queste caratteristiche, è difficile improvvisarsi librai”.
A seguire si sono tenute la tradizionale consegna del Premio per Librai Luciano e Silvana Mauri (giunto alla diciottesima edizione) al libraio Fabio Lagiannella e la Borsa di lavoro Nick Perren (giunta alla quinta edizione) alla libraia Veronica Tati.
Successivamente ha avuto luogo la ormai tradizionale tavola rotonda internazionale coordinata da Stefano Mauri, quest’anno incentrata su Nuove sfide e déjà vu, che ogni anno riunisce alcuni dei maggiori protagonisti del libro nel mondo.
Ha chiuso il Seminario lo scrittore Javier Cercas con un intervento dal titolo Malintesi della modernità.
Il Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri è da 41 anni un importante momento di confronto sul mondo del libro, in cui si prendono in esame i diversi aspetti e le criticità proprie di un’attività affascinante e fondamentale per la diffusione della cultura come quella delle librerie: gestione, organizzazione, distribuzione, commercializzazione e promozione. Un laboratorio, dunque, in cui si vuole progettare, discutere, conoscere le dinamiche di un mondo complesso ma sempre vitale che ha al suo centro il libro.