LETTERATURA DELLE ALPI CON IL PREMIO INTITOLATO A MARIO RIGONI STERN

È stata presentata a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, la nona edizione del Premio letterario “Mario Rigoni Stern – per la letteratura multilingue delle Alpi”. I temi che caratterizzeranno l’edizione 2019: la Tempesta Vaia dello scorso autunno, i boschi schiantati del Nordest, in particolare sull’Altopiano dei Sette Comuni, del Bellunese e del Trentino, e la riforestazione. Il Premio Rigoni Stern è nato per favorire lo sviluppo del contesto culturale poliglotta che fa riferimento all’arco alpino, promuovendo un Concorso di merito tra opere di narrativa e di saggistica dedicate alle Alpi, al loro paesaggio e alle loro genti. Istituito con l’intento di onorare la memoria di Mario Rigoni Stern e della sua opera, il Premio intende perpetuarne i valori di fratellanza tra i popoli, di rispetto dell’ambiente, di umanità alpina. Componenti della Giuria, i professori Ilvo Diamanti, Paola Maria Filippi e Mario Isnenghi, lo storico Daniele Jalla e lo scrittore Marco Albino Ferrari.