La scuola educa i ragazzi alle diversità

0
81

La scuola come mezzo per educare i ragazzi alle diversità. Attraverso il linguaggio cinematografico e audiovisivo. Presentato sabato scorso, 10 ottobre, il progetto “Diversamente Cinema”, una sfida didattica che coinvolgerà in questo anno scolastico l’Istituto Comprensivo di S. Martino di Lupari (PD). Una figura misteriosa, un “alienetto”, con le antennine che ricordano le bobine del cinema, il simbolo scelto per questo progetto: un motivo didattico per far capire e analizzare sì la storia del cinema, ma anche come si costruiscono le immagini. “Diversamente Cinema” consiste in una serie di incontri e laboratori pratici sul linguaggio audiovisivo e cinematografico. Le tematiche sono quelle provenienti dall’Agenda 2030, redatta e siglata nel 2015 da 193 Paesi aderenti all’ONU. L’obiettivo, attraverso il cinema e il contatto con realtà territoriali che operano nel sociale, è promuovere una cultura di inclusione, di pace e di non violenza per eliminare diseguaglianze sociali, economiche e di vita lavorando su temi come l’importanza dell’accesso all’educazione, la parità di genere e l’arricchimento derivante da diversità culturali che si riflettono in primis nella popolazione scolastica. Tutto questo per attivare, non solo nei partecipanti al progetto, ma anche in chi fruirà delle produzioni audiovisive realizzate, una coscienza critica volta alla cittadinanza attiva. Un progetto finanziato da MIUR e MIBACT nazionali attraverso fondi europei distribuiti dal ministero in tutta Italia: circa 30.000 euro stanziati per il progetto promosso dall’Istituto Comprensivo luparense. «Un progetto ambizioso, una sfida importante – inizia Andrea Bernardi, responsabile scientifico del progetto e moderatore dell’incontro – Si tratta dell’unica scuola della provincia di Padova, e l’unico Istituto Comprensivo del Veneto ad essersi aggiudicato il bando.» Un risultato importante, dato che in tutta Italia gli Istituti Comprensivi partecipanti sono molto pochi. Al termine dei laboratori saranno realizzati cortometraggi, videoclip e spot progresso dalle idee che nasceranno dai ragazzi e portati avanti assieme ai docenti.