Dossier ecomafia, centinaia di reati Legambiente: per contrastare chi danneggia l’ecosistema serve legge specifica

0
3

Centinaia di infrazioni, denunce e sequestri: dagli abusi edilizi al traffico illecito di rifiuti, fino allo spettro del disastro ambientale per la vicenda dell’inquinamento da Pfas, così il Veneto si dimostra esposto agli ecoreati: a raccontarlo è il dossier Ecomafia di Legambiente, presentato la settimana scorsa a Roma che classifica al decimo posto per numero la nostra regione per questa tipologia di reati. Il Veneto arriva invece sesto a livello nazionale per reati connessi al ciclo illegale del cemento: le infrazioni accertate sono 306, con 338 denunce e 86 sequestri; il triste primato va alla provincia di Venezia, con il 2,3% di infrazioni di tutto il territorio nazionale, seguita poi da Vicenza e Treviso. Numeri importanti anche per quanto riguarda il ciclo illegale di rifiuti, un settore in crescita di anno in anno su tutto il territorio nazionale, pari al 28,4% del totale dei reati contro l’ambiente: nella nostra regione sono 240 le infrazioni accertate per traffico illecito di rifiuti, 273 le denunce, 2 gli arresti e 90 i sequestri. Stavolta il primo posto va alla provincia di Treviso, con oltre un quarto delle infrazioni accertate. È una fattispecie, quella di traffico illecito di rifiuti, che è reato nel nostro paese solo dal 2001: oggi però la legge 68/2015 sugli eco-reati prevede pene più severe e dota le forze dell’ordine di strumenti più efficaci. Sono varie le indagini e i processi in corso per quanto riguarda il settore di rifiuti. Sempre sul tema del ciclo illegale dei rifiuti, a giugno è stato chiesto il rinvio a giudizio per tre indagati nell’inchiesta sul “concrete green”: le accuse alle ditte produttrici sono gestione e trasporto abusivo di grandi quantità di rifiuti, utilizzati per realizzare strade di campagna in Veneto, Emilia-Romagna e Lombardia. Nelle nostra regione non mancano, infine, anche i reati con la fauna: se quelli in mare avvengono tutti a Venezia (94 infrazioni accertate), sulla terraferma primeggia Verona (52), seguita da Venezia (50) e Vicenza (26) su 172 totali a livello regionale. Due i sequestri avvenuti a Venezia per questi reati. Non solo semplici infrazioni contro l’ambiente però, perché sulla nostra regione c’è anche lo spettro del disastro ambientale: nei giorni scorsi è stato chiesto il rinvio a giudizio per nove dei tredici dirigenti della Miteni di Trissino accusati dei reati dolosi di avvelenamento delle acque e “disastro innominato” nell’indagine per la contaminazione delle falde acquifere causata dai PFAS sui fatti fino al 2013. Con l’apertura dei nuovi filoni di inchiesta, l’ipotesi di reato potrà essere proprio quella di “disastro ambientale” (ex art. 452‐quater), la più grave prevista dalla legge 68 e che (a differenza del “disastro innominato”, ex 434 c. p.) ha tempi di prescrizione ben più lunghi e rende meno difficoltosa l’identificazione dei responsabili. E oggi finalmente c’è un precedente importante: ad aprile nell’ambito dell’inchiesta sull’inquinamento della rete fognaria e idrografica causato dalla fuoriuscita di petrolio del febbraio 2017 che ha contaminato 26mila metri quadrati di suolo e sottosuolo a Viggiano (PZ) i tredici indagati sono stati accusati proprio di “disastro ambientale”. «I numeri del Dossier Ecomafia ci parlano di una regione esposta a reati contro l’ambiente – dichiara Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto – dai rifiuti stoccati illegalmente nelle cave e nei capannoni, alle inchieste sul cemento criminale sul litorale veneziano, sono evidenze che dimostrano come sia necessario tenere alta l’attenzione e agire con decisione per fermare chi pensa di poter danneggiare l’ambiente impunemente».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here