DONAZZAN INCONTRA DELEGAZIONE ANPAL L’assessore: “E’ paradossale che chi è di sostegno ai centri rischi la disoccupazione”

L’assessore regionale all’istruzione, formazione e lavoro, Elena Donazzan, ha incontrato nella sede di Veneto Lavoro una delegazione di lavoratori di ANPAL Servizi che operano in Veneto. L’assessore ha raccolto le preoccupazioni di una parte significativa di personale a tempo determinato, che rischia di vedere compromessa la propria posizione a seguito dell’ottemperanza al Decreto Dignità, in base al quale non possono essere reiterati i contratti di questo tipo oltre un certo numero di rinnovi e di tempo. “Si tratta di un paradosso – sostiene l’assessore – che Anpal Servizi, agenzia del Ministero che ha il compito di essere di sostegno dei Centri per l’Impiego e che pone in essere politiche per il lavoro per la ricollocazione dei lavoratori nel mercato, licenzi i propri lavoratori. E ancor più paradossale è che il datore di lavoro sia quel Ministero la cui principale finalità è favorire l’occupazione e non certo la disoccupazione. Peraltro, è una grave contraddizione quella che muove questo Governo. Dice di volere stabilizzare il più possibile il mercato del lavoro, ma ha il 75% di collaboratori con contratto a tempo determinato o addirittura di collaborazione in deroga alla normativa”. La richiesta formulata dalla delegazione è quella di poter avere, per tramite delle Regioni, un incontro con il Ministro del Lavoro Di Maio perché ad oggi non vi è stata alcuna interlocuzione nemmeno con il proprio diretto datore di lavoro, ovvero ANPAL Servizi. L’assessore Donazzan si è fatta promotrice di una sensibilizzazione dei propri colleghi assessori regionali, molti dei quali in queste ore hanno già fatto o stanno facendo incontri analoghi con il personale ANPAL impegnato sul proprio territorio, affinché la IX Commissione formalizzi la richiesta di incontro con il Ministro.