CIBI LOCALI PER SALVARE AGROALIMENTARE ED ECONOMIA

0
757
??????????????

«Il cibo italiano dei nostri territori rappresenta una vera e propria leva per l’economia locale e contribuisce a salvare le aziende, fortemente minacciate dai prodotti provenienti dall’estero, che maldestramente tentano di imitare le nostre eccellenze, mettendo a rischio posti di lavoro e sopravvivenza stes­sa delle imprese». Con queste parole il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Mar­tino Cerantola ed il direttore Ro­berto Palù intervengono evidenziando il fatto che gli unici marchi italiani presenti nella top ten di quelle più influenti operano nell’agroalimentare confermando il primato enogastronomico del ma­de in Italy, che è l’unico al mondo che con 4965 prodotti alimentari tradizionali censiti dalle re­gioni ottenuti secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, 283 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, ma è anche il più green con quasi 50mila aziende agricole biologiche in Europa e la scelta di vietare le coltivazioni ogm. «Il successo del cibo italiano è sostenuto dal record delle esportazioni, che hanno raggiunto nel 2015 il massimo storico di 36,9 miliardi. Ma gli alimentari – concludono Ce­ran­tola e Palù – sono anche il primo obiettivo di spesa dei turisti che in più di sei casi su dieci durante le vacanze in Italia fanno shopping di cibo. Il food shopping riguarda ben il 62% degli stranieri e batte nettamente negli acquisti i tradizionali souvenir (50%), l’abbigliamento (48%) e l’artigianato (25%), secondo le elaborazioni Coldiretti sullo studio In viaggio attraverso l’Italia».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here