Cartone e carta, Veneto meno “riciclone”

0
230
Verona, 24 settembre 2021. Impianto Lamacart. Balle compattate.

Carta e cartone: nel 2022, in Veneto la raccolta differenziata sfiora le 290 mila tonnellate. Un segnale incoraggiante a fronte di un generale calo nella produzione di rifiuti urbani in regione ed in Italia.
Secondo i dati del 28° Rapporto Annuale sulla raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone in Italia diffuso da Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, in Veneto è stato raccolto l’1,6% di materiale cellulosico in meno rispetto al 2021. Questo risultato è condizionato dal generalizzato calo dei consumi – soprattutto alimentari – legato all’innalzamento dei costi energetici e delle materie prime con effetti sui tassi di inflazione e una conseguente riduzione della produzione dei rifiuti di oltre 1 milione di tonnellate su scala nazionale e in particolare nel Nord Italia.
“Nonostante una riduzione di 4.000 tonnellate della raccolta di carta e cartone rispetto al 2021, il Veneto resta una delle regioni di riferimento in Italia nella corretta gestione dei rifiuti, e dove la raccolta differenziata di materiali cellulosici costituisce una pratica quotidiana consolidata” – commenta Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco. “Ogni cittadino ha differenziato oltre 59 kg, ma ciò che più rileva è il livello di intercettazione dei materiali cellulosici sul totale dei rifiuti salito al 13%: un dato tra i migliori in Italia, in aumento rispetto al 2021”.
L’andamento a livello provinciale mostra segnali contrastanti, con alcuni territori che guadagnano e altri che rallentano. Più in generale l’intero territorio regionale ha spazi di crescita – almeno 20-25mila tonnellate aggiuntive – che si attende di conseguire nei prossimi mesi e che concorreranno al raggiungimento degli obiettivi nazionali di riciclo.L’analisi dei dati a livello provinciale – così come disponibili a maggio 2023 e considerate le specificità di ogni territorio – mostra un andamento altalenante, tra province con indicatori positivi ed altre meno. Considerando la raccolta pro-capite, tre province si attestano sopra la media nazionale (Venezia, Belluno e Padova), le altre rimangono comunque su valori positivi.
VENEZIA: con oltre 58.000 tonnellate di carta e cartone raccolte fa registrare la media pro-capite più alta della regione con 69,4 kg/ab-anno;
BELLUNO: raccolte quasi 13.000 tonnellate, con un pro-capite di 65,4 kg/ab-anno, in aumento rispetto all’anno precedente;
PADOVA: sfiora le 58.000 tonnellate raccolte (+5,6% rispetto al 2021) e un pro-capite che sale a 62,3 kg/ab-anno;
ROVIGO: differenziate poco più di 13.000 tonnellate e 57,7 kg la media di raccolta di ciascun cittadino;
VERONA: raccolte poco più di 54.000 tonnellate con un pro-capite di 58,5 kg/ab-anno;
VICENZA: circa 46.000 tonnellate raccolte e una media pro-capite di poco superiore a 54 kg/ab-anno;
TREVISO: raccolte poco più di 45.000 tonnellate, per un pro-capite di 51,4 kg/ab-anno.