AVVOCATESSA MINACCIATA IN TRENO DA TRE IMMIGRATI

0
1232

Chiede un po’ di educazione e riceve in cambio ur­la, offese e minacce: una giovane avvocatessa di Es­te è finito nel mirino di tre extracomunitari che av­eva rimproverato perché tenevano i piedi sul sedile. La vicenda è andata in scena sul treno che dalla Bassa Pad­ovana porta a Pad­ova. Elis­a­be­tta Vigato questo il nome della trentatreenne di Este og­getto dell’aggressione verbale del terzetto era salita alla fermata di Saletto ed era diretta nel capoluogo. Durante il viaggio u­no dei passeggeri ha fatto no­tare a tre uomini che erano nello stesso scompartimento che potevano benissimo togliere i piedi dal sedile davanti a loro. Per tutta risposta i tre hanno iniziato a inveire, e la Vigato è intervenuta in difesa del viaggiatore. Non l’avesse mai fatto: i nordafricani si sono alzati in piedi con fare minaccioso e l’hanno investita di offese. Fort­una­tamente a po­chi metri era ancora presente il capotreno, che ha fermato l’aggressore, gli ha intimato di mostrare i documenti (ch­e non aveva, come n­o­n ­aveva il biglietto) e ha quindi ri­chiesto l’intervento della Polfer. Qua­ndo il treno è arr­ivato a Padova, due agenti di polizia sono saliti a bordo e hanno preso in consegna il giovane. L’extra­com­unitario è risultato essere un clandestino, sulla carta affetto da problemi psichici. È stato rilasciato dopo poche ore. I due connazionali hanno fatto perdere le loro tracce.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here