Alla scoperta del termalismo euganeo

0
68
Terme Preistoriche Resort a Montegrotto
Terme Preistoriche Resort a Montegrotto

Si tratta di un’iniziativa promossa da Federalberghi Terme Abano Montegrotto

Le grandi vasche che conservano i fanghi termali, risorsa unica del territorio, i lodge green a impatto zero che incarnano la nuova frontiera del lusso sostenibile, il resort con un parco di 40mila metri quadri che custodisce i resti di un complesso termale del I secolo e sta per inaugurare le nuove suite disegnate secondo i principi dell’architettura verde, il design improntato al “lusso inclusivo” di un cinque stelle in cui la piscina principale riproduce un atollo caraibico e la spa consente di immergersi in un’ambientazione che ricorda il borgo di Arquà Petrarca.

Questi solo alcuni dei frammenti del viaggio in cui potranno immergersi i partecipanti al Primo Open Day delle Terme, in programma venerdì 17 maggio dalle 17.30 alle 19.30 ad Abano e Montegrotto.

L’iniziativa, promossa da Federalberghi Terme Abano Montegrotto, con il patrocinio dei Comuni di Abano Terme e Montegrotto Terme, sarà occasione per conoscere da vicino alcuni fra gli hotel del bacino euganeo: un viaggio affascinante fra termalismo, salute e benessere.

Un appuntamento gratuito aperto a tutti, previa registrazione online a questo link fino a esaurimento dei posti disponibili: ogni partecipante può scegliere fra i tre visiting tour proposti in contemporanea nelle tre strutture che per l’occasione apriranno le loro porte, il Terme Preistoriche Resort and Spa e il Terme Neroniane Spa Resort a Montegrotto Terme, il Tritone Luxury Hotel thermae & spa ad Abano Terme.

Al termine del tour guidato nelle strutture, con le loro piscine e spa recentemente ridisegnate, verrà offerto un aperitivo, si specifica che non è previsto l’utilizzo gratuito delle piscine o dei servizi della spa.

«Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa – spiega Walter Poli, presidente Federalberghi Terme Abano Montegrotto – aperta a tutti, ma pensata in particolare per i residenti nel Padovano.

La percezione delle nostre strutture è talvolta ancora legata a stereotipi lontani anni luce dalla realtà o a immagini che risalgono a vent’anni fa, quando gli hotel erano meta legata prevalentemente al turismo sanitario degli anziani e in qualche caso risultavano un po’ vetusti.

Oggi chi entra nei nostri ambienti, luoghi ricchi di storia che coniugano tradizione e innovazione, ne esce spesso “a bocca aperta” perché trova degli spazi bellissimi, curati in ogni dettaglio, giardini che con le loro eleganti piscine rappresentano delle oasi di pace e di relax, spa modernissime e accoglienti.

Realtà che vogliamo raccontare, assieme ai benefici per la salute della risorsa termale di cui siamo “custodi”, con la scelta di aprire le nostre porte a un territorio con cui abbiamo intenzione di connetterci sempre di più. Un’iniziativa che rappresenta solo il primo passo di un nuovo percorso».

Le visite, guidate dai tre imprenditori alberghieri – Poli per il Tritone, Angela Stoppato per Terme Preistoriche, Luca Tognin per Terme Neroniane – saranno occasione per scoprire qualche tratto della storia secolare delle strutture, per conoscere le modalità di conservazione dei fanghi termali e per scoprire realtà all’avanguardia in tema di sostenibilità, a partire dal riutilizzo dell’acqua termale impiegata per le cure per riscaldare le strutture nei mesi freddi.