A Dolo 150 nuovi alberi per “Laudato sì” Tra i primi firmatari lo scienziato Stefano Mancuso, Carlo Petrini e il vescovo di Rieti

0
44

La Giunta Comunale di Dolo ha deliberato l’adesione all’appello del Comitato Laudato Si, sostenuto dall’Anci, rivolto a tutti i cittadini, le istituzioni e le associazioni per invitarli a piantare nuovi alberi, unico argine all’inquinamento e ai cambiamenti climatici che – come purtroppo constatato anche a Venezia, Chioggia e sul litorale veneziano nelle ultime ore – manifestano i propri effetti in modo sempre più violento. “La nostra amministrazione” – commenta il sindaco, Alberto Polo – “continua a lavorare con attenzione sull’ambiente: nuove piste ciclabili, a breve auto elettriche e colonnine di ricarica, applicazione di nuove tecnologie per il risparmio energetico, educazione per le scuole, interventi di riqualificazione energetica sugli immobili pubblici, monitoraggio elettro smog, rinnovo dei parchi gioco, raccolta differenziata spinta dei rifiuti. Ora, proprio perché preferiamo far parlare i fatti e rispondere così alle strumentali polemiche che spesso vengono innescate a sproposito, pianteremo, con le risorse del bilancio 2020, 150 nuovi alberi sul territorio di Dolo, Arino e Sambruson: uno ogni 100 cittadini dolesi”. “Con la delibera del 26 settembre” – continua il sindaco Polo – ” abbiamo scelto convintamente di aderire all’appello della Comunità Laudato Si che ha come primi firmatari lo scienziato Stefano Mancuso, direttore del LINV, il presidente di Slow Food, Carlo Petrini e il Vescovo di Rieti, Domenico Pompili”. “Nelle prossime settimane” – conclude il Sindaco, Alberto Polo – “avvieremo un confronto con le associazioni che si occupano di ambiente e i nostri tecnici e definiremo la collocazione dei nuovi 150 alberi che saranno finanziati con il bilancio 2020 e piantati appena possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here