A disposizione 5 milioni per gli asili nido Primo bando per la sicurezza e la qualità dei servizi rivolti alla prima infanzia

0
6

“E’ un aiuto ai Comuni perché investano nella sicurezza delle strutture e nella qualità dei servizi per la prima infanzia e magari per allargare la rete dei nidi attivi in Veneto nonchè un segnale della politica per contrastare le ‘culle vuote’”. Così l’assessore regionale alla Sanità e al Sociale, Manuela Lanzarin, richiama l’attenzione sul bando, pubblicato nell’edizione odierna del Bollettino ufficiale della Regione Veneto, che mette a disposizione 5.072.777,36 euro per contribuire ad interventi di messa a norma, adeguamento, riqualificazione e nuova costruzione di asili nido comunali e privati-convenzionati. Le tipologie di intervento edilizio fanno riferimento a cinque macro-categorie: a) interventi di adeguamento sismico o, nel caso in cui l’adeguamento sismico non sia conveniente, di nuova costruzione in sostituzione di edifici esistenti; interventi di miglioramento sismico, nel solo caso in cui l’adeguamento sismico non sia perseguibile in ragione della presenza di vincolo culturale ai sensi del decreto legislativo n. 42/2004; b) interventi finalizzati all’eliminazione di rischi, alla messa a norma dell’edificio e all’ade­gua­­­mento alla normativa an­tin­cendio; c) ampliamenti ne­cessari per soddisfare specifiche esigenze di riqualificazione scolastica o di fruibilità di spazi; d) interventi sull’esistente diversi dai precedenti, purché l’ente proponente certifichi che la struttura sia adeguata alle normative vigenti; e) asili nido di nuova costruzione. “In Veneto sono attivi 764 asili nido che offrono poco più di 24 mila posti, sufficienti per accogliere un bimbo su 4 dei residenti in età 0-3 anni – sottolinea l’assessore Lanzarin – Il primo obiettivo del bando è mettere in sicurezza gli edifici e, se possibile, migliorare la qualità e la capacità delle strutture esistenti. E non escludo che qualche amministrazione possa decidere con coraggio, anche alla luce del contributo regionale, di progettare un nuovo asilo nido.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here