RINASCE L’AZIENDA BERTI L’assessore regionale al lavoro Donazzan: «Una bella sfida di autoimprenditorialità e di rispetto verso i precedenti titolari».

383

«La rinascita della Berti come società cooperativa è una delle esperienze più belle che ho seguito in questi anni di crisi. Fin dai primi incontri, nell’agosto scorso, sono rimasta colpita dalla determinazione e dal coraggio di questi lavoratori. Persone convinte, piene di fiducia e di speranza». Elena Donazzan, assessore al lavoro della Regione Veneto, ha condiviso – attraverso il tavolo di crisi regionale – il percorso della procedura fallimentare e della costituzione in cooperativa degli ex dipendenti, che hanno rilevato l’attività dell’azienda veneziana di via Triestina. E ha affiancato il presidente della Regione Luca Zaia nel simbolico taglio del nastro nello stabilimento di Tessera, che ha suggellato la nascita della nuova azienda e la ripresa dell’attività produttiva. «Oltre al coraggio e alla convinzione di queste donne e di questi uomini – ha dichiarato l’assessore Donazzan – voglio sottolineare il profondo rispetto che li ha animati verso la storia dell’azienda e del suo titolare. In questi mesi non ho mai percepito una parola, o un’espressione negativa, verso la proprietà, ma solo comprensione rispettosa verso una vicenda dolorosa, difficile da accettare ed elaborare per chi aveva tenuto a battesimo  all’inizio degli anni Sessanta questa azienda e l’aveva fatta crescere con credibilità e successo. Ringrazio i soci della Berti per questa sensibilità e per il coraggio di cui hanno dato prova, diventando così protagonisti di una storia bella e di una sfida vincente per la nostra economia».