Risorse per lavoro e inclusione sociale

0
231

Oltre 5 mila progetti selezionati con 136 bandi, 186.923 persone beneficiarie effettive dei servizi e delle opportunità create con la programmazione regionale del Fondo sociale europeo, 716 milioni già stanziati: sono i risultati presentati dalla Regione Veneto al Grandi Stazioni nell’evento di rendicontazione annuale dell’impiego dei fondi Fse dedicati al lavoro, alla formazione e all’inclusione sociale. Un evento che coincide con la conclusione del ciclo di programmazione 2014-2020 che ha una disponibilità finanziaria di 764 milioni di euro, di cui il 94 per cento già erogato o in via di liquidazione. A beneficiare dei progetti e delle iniziative finanziate con le risorse Fse (50% della Ue, 35 % dello Stato e 15% della Regione) sono stati 64 mila giovani under 25 in formazione, 40 mila disoccupati di lungo periodo, 21 mila persone a rischio di esclusione sociale. Facendo leva sul volano del Fondo sociale europeo sono stati finanziati lavori di pubblica utilità, 31 mila assegni per il lavoro, 3397 work experience (tirocini di lavori per disoccupati traguardati all’inserimento in azienda), iniziative territoriali di inserimento lavorativo in impieghi di pubblica utilità(dai servizi giudiziari a quelli comunali), nonchè progetti innovativi rivolti al mondo dell’Università e della ricerca, programmi per il rientro dei cervelli in fuga, progetti di valorizzazione degli archivi e degli atelier industriali volti a rafforzare il brand, la competitività e l’attrattività di 170 imprese venete, in particolare delle botteghe d’arte e dei marchi storici. Le buone performances della capacità di programmazione, di impegno e di spesa della Regione Veneto, grazie anche a parternariati di qualità con gli enti di formazione, le università, le categorie economiche, i servizi per il lavoro e il terzo settore del Veneto, sono state confermate da Lodovico Conzimu, funzionario della Direzione generale Occupazione, affari sociali e inclusione della Commissione europea, e da Daniela Oliva, direttore della Formazione e lavoro dell’Istituto per la ricerca sociale. La regine veneto risulta seconda solo all’Emilia Romagna per velocità dei bandi, capacità di impiego delle risorse e raggiungimento dei target comunitari. La presentazione dei nuovi bandi 2020 ha offerto lo spunto per una riflessione sulla nuova programmazione comunitaria che consentirà di proseguire con una ulteriore offerta di servizi a partire dai 5 obiettivi strategici definiti da Bruxelles: un’Europa più intelligente, più verde, più connessa, più sociale e più vicina ai cittadini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here