Ora Garmont mette le ali ai Rangers

0
157

Molte specie animali sono a rischio di estinzione a causa di diversi fattori, dal surriscaldamento globale alla deforestazione, al bracconaggio. Rinoceronti ed elefanti, in Africa, continuano a scomparire ad un ritmo preoccupante ed è solo colpa dell’uomo che vuole sfruttare il loro corno e le loro zanne. Sembra incredibile ma è una azienda italiana che permette e permetterà a migliaia di ragazzi sudafricani di formarsi alla conservazione dell’ambiente e riscoprire il contatto con la natura selvaggia. Garmont da oltre 50 anni realizza calzature di qualità per l’escursionismo, il trekking ed altre attività outdoor e da qualche tempo anche calzature per tutto il giorno, per la città, non solo garantisce l’appoggio economico per 5 scuole e 2000 ragazzi che ricevono formazione per diventare un giorno dei rangers ma anche fornisce tutte gli scarponi per i rangers attuali, quelli che cercano di salvare i loro animali, la loro natura. Sostenere l’iniziativa costa 10 euro al mese per ogni studente, 25 euro per la classe, 125 per ogni corso oltre a calzature tecniche di alta qualità per garantire comfort e protezione durante le lunghe giornate di lavoro. “Ogni giorno, in Africa”, dice Pierangelo Bressan, presidente di Garmont, “ tre rinoceronti vengono abbattuti dai bracconieri per garantirsi il loro corno che vale più dell’oro, del platino, ed ha un mercato internazionale incredibile. Garmont vuole sostenere chi combatte i bracconieri e formare scuole per formare i futuri rangers iniziando dai bambini dai 5 ai 18 anni. Sono oltre 500 i bracconieri arrestati o uccisi in Sudafrica ogni anno. Se non si fermerà questo sterminio entro il 2026 andremo incontro all’estinzione di questa specie animale. Il 60% della fauna selvatica mondiale è andata persa nel corso degli ultimi 40 anni. Sono 8500 le specie a rischio. Noi vogliamo essere vicini ai rangers che sono sotto finanziati, scarsamente supportati e allenati dalle loro comunità. Avrebbero bisogno del sostegno di tutti. Garmont è con loro”.