Mig e la gelateria del futuro un occhio alla sostenibilità

0
200

Mancano ormai meno di 30 giorni all’apertura della 63. edizione di MIG – Mostra Internazionale del Gelato Artigianale in programma a Longarone dal 26 al 29 novembre prossimi.
L’evento si presenta ancora più interessante per i gelatieri in quanto, a fianco alla parte espositiva, completa in ogni settore merceologico che rimane l’aspetto principale, sono previsti dei momenti di formazione-informazione assai utili per la gestione di una gelateria di successo.
Gli incontri, la cui partecipazione è gratuita, riguardano, in particolare, la definizione del listino prezzi e le opportunità di ampliare l’offerta delle gelaterie con l’inserimento di prodotti di cioccolateria che consentano anche di allungare la stagione di apertura.
Un listino prezzi aggiornato, in grado di coprire i costi aziendali e garantire un margine per il titolare e rimanere competitivi, non può essere frutto di sola immaginazione o di un adeguamento a quanto fanno altri colleghi. “Il listino prezzi non è solo un elenco di numeri – afferma Giacomo Tonelli, noto Business Coach specializzato nel settore delle Gelaterie Artigianali, che terrà gli incontri – ma un potente strumento di marketing e posizionamento. La sua stesura richiede una profonda comprensione del mercato, dei costi e del valore percepito dal cliente”.
“Dalla nostra quotidiana esperienza rileviamo come l’inserimento della cioccolateria in gelateria sia una tendenza sempre più diffusa – spiega Angela De Luca, direttrice e docente di Quinta Forma – Sono sempre di più le gelaterie che si interessano al mondo del cioccolato. Cioccolato e gelato, infatti, si abbinano molto bene tra loro sia dal punto di vista del brand, sia per questioni di stagionalità. Inserire una linea di cioccolato non richiede poi un grandissimo investimento iniziale. Con una spesa relativamente bassa si può già introdurre una produzione di cioccolato di notevole dimensione e qualità.”
Mentre, lunedì 27 novembre, ci sarà un focus sulla “Gelateria del Futuro” con una particolare attenzione ai molteplici aspetti della sostenibilità, partendo dai materiali fino all’approfondimento di soluzioni innovative in grado di coniugare risparmio e qualità allo stesso tempo, grazie all’intervento dell’architetto Daniele Menichini.