La stagione turistica estiva porta bene

0
170

Nei primi sette mesi del 2023 il bilancio del mercato del lavoro veneto è positivo per +85.400 posti di lavoro dipendente, nonostante alcuni segnali di rallentamento registrati a partire dal mese di maggio. A luglio la stagionalità turistica estiva e una diminuzione delle cessazioni determinano un saldo mensile positivo per +2.700 posizioni di lavoro, migliore rispetto a quello del luglio 2022. Il volume complessivo delle assunzioni effettuate da inizio anno si conferma particolarmente elevato, al di sopra dei livelli registrati nel 2019 (+6%) ed in crescita del +1% rispetto al 2022. Anche nel mese di luglio le assunzioni continuano ad essere maggiori di quelle del periodo pre-pandemico, ma in calo del -2% rispetto allo scorso anno. A crescere sono sia le posizioni di lavoro a tempo indeterminato (+26.600 da inizio anno e +2.200 a luglio) sia quelle a tempo determinato (rispettivamente +56.500 e +100). Dal punto di vista socio-anagrafico, il rafforzamento del bilancio occupazionale complessivo è trainato dalla crescita delle posizioni di lavoro in essere per le donne, i lavoratori stranieri, i giovani under 30 e gli over 55, mentre l’incremento delle assunzioni interessa soprattutto gli uomini (+2% a fronte di una stabilità delle donne) e, ancora, gli stranieri (+7%, contro invece il -1% registrato per gli italiani). Il bilancio dei primi sette mesi del 2023 è positivo e migliore di quello del 2022 in quasi tutte le province del Veneto, con l’unica eccezione di Rovigo dove si registra un saldo (pur positivo) leggermente al di sotto di quello dell’anno precedente. I territori di Venezia e Verona si contraddistinguono sia per i maggiori incrementi occupazionali, sia per il rafforzamento della domanda di lavoro (+7% rispetto al 2022 nel primo caso, +3% nel secondo). Nel mese di luglio, nonostante una flessione delle assunzioni più pronunciata che altrove (rispettivamente del -6% e -4%) il saldo si conferma positivo soprattutto nelle province di Venezia (+2.400) e Belluno (+1.300). Si conferma positivo, ma in significativo calo rispetto al 2022, il bilancio del comparto industriale (+12.600 posti di lavoro a fronte dei +16.700 dello stesso periodo del 2022), con l’unica eccezione dell’industria conciaria.