Ha chiuso la digital edition con più di 78 mila visitatori

0
306

Ha chiuso con ottimi risultati questa edizione interamente digitale di JOB&Orienta salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro. Il particolare format adottato quest’anno ha permesso di ampliare la platea di partecipanti da un capo all’altro dello stivale, trasformando JOB&Orienta in una fiera diffusa che ha toccato numeri particolarmente significativi: 68mila persone iscritte ai 250 eventi online del fitto palinsesto, oltre 50mila visualizzazioni per gli eventi streaming nel canale ufficiale YouTube, oltre 2.500 i relatori intervenuti, 78mila visitatori registrati per accedere alle vetrine virtuali degli oltre 200 espositori in rassegna, 10.500 incontri one to one calendarizzati con loro, oltre 6 milioni 600mila accessi all’area vetrine virtuali, oltre alle 500mila visualizzazioni di altre aree del sito, fatte non solo da utenti italiani ma anche di altri paesi d’Europa e del mondo.

Promosso da Veronafiere e Regione del Veneto, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e con la mediapartnership di Rai Cultura/Rai Scuola, JOB&Orienta anche in questa nuova veste ha saputo confermarsi ancora una volta un’occasione unica di aggiornamento e confronto per operatori, giovani e famiglie.

Tra i protagonisti della tre giorni soprattutto i giovani e la scuola che attraverso le sei reti delle diverse filiere (meccatronica, moda, economia e finanza, agraria, alberghiero e innovazione) hanno raccontato le migliori esperienze di didattica innovativa e dei progetti di pcto. E proprio gli studenti delle reti sono stati al centro dell’indagine “Attitudini, per competere nel mondo del lavoro” condotta da Umana, che ha raccolto le aspettative di oltre 2500 ragazzi rispetto al loro lavoro del futuro. Nella risposta del campione prevale l’idea di un lavoro capace di dare solidità economica, ma al tempo stesso creativo, dinamico e coinvolgente. Finanza e Marketing rappresentano ambiti a cui aspirare, capaci di dare certezze e garanzie verso una dimensione di soddisfazione personale e sociale. Segue il settore della moda, un ambito aspirazionale con elevata carica simbolica.
Sul futuro di JOB&Orienta è d’accordo anche Elena Donazzan, assessore all’Istruzione, la Formazione, il Lavoro e Pari opportunità della Regione del Veneto.
«Un risultato clamoroso – afferma ancora Carmela Palumbo, direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per il Veneto -, per quanto riguarda la partecipazione del mondo della scuola e delle famiglie al nutrito programma di eventi, convegni e webinar. Questa è stata la prova del grande bisogno dei nostri ragazzi di avere a disposizione dati e informazioni qualificate in tema di orientamento, persone ed esperti con cui confrontarsi, testimoni da ascoltare, soprattutto in un momento di grave incertezza economica e sociale».