Gli studenti veneti puntano sull’estero

0
234

Gli studenti veneti investono nella formazione internazionale. Sono infatti in crescita a gennaio le partenze per il secondo semestre della quarta superiore all’estero.
In un mondo sempre più interconnesso e globalizzato, anche nelle scuole italiane si respira un’aria internazionale. Dall’osservatorio privilegiato di YouAbroad, da oltre 10 anni punto di riferimento per i ragazzi che decidono di studiare in una scuola superiore estera per un anno o parte di esso, emerge un dato chiaro: studiare in una High School straniera è un’esperienza che sempre più giovani italiani scelgono di vivere. E il Veneto non fa eccezione posizionandosi come sesta regione d’Italia in termini di partenze.
C’è chi parte per l’intero anno scolastico e chi opta per sei mesi, opzionando il primo o il secondo semestre, oppure per un trimestre estivo.
Il dato è in crescita rispetto al periodo pre-Covid e sono sempre di più le famiglie e gli studenti che decidono per una partenza nel mese di gennaio.
In questi giorni infatti, solo con YouAbroad, sono oltre 250 i ragazzi delle quarte superiori di tutta Italia volati all’estero per studio, un numero che si è quadruplicato rispetto al 2019, prima della pandemia.
L’High School Program non è solo un’esperienza di crescita personale e scolastica ma anche un plus per una carriera lavorativa futura. Riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, consente ai giovani italiani di ottenere importanti abilità trasversali che agevolano l’ingresso nel mondo accademico e professionale.
Secondo i dati di YouAbroad, non solo il 96% degli studenti ha raggiunto un livello linguistico avanzato grazie a questa esperienza, ma, ben più importante, ha sviluppato competenze fondamentali per il futuro nel mondo del lavoro sempre più competitivo, quali la capacità di gestione delle relazioni multiculturali, la capacità di gestire e risolvere problemi complessi in situazioni di stress, nonché la propensione alla proattività e il senso di autoefficacia.
Partono più ragazze (65%) che ragazzi (35%)
Scelgono questa esperienza prevalentemente gli studenti del Liceo Scientifico seguiti da quelli del Liceo Linguistico e Classico. In crescita nell’ultimo biennio le adesioni dagli Istituti Tecnici.
Gli Stati Uniti d’America si confermano meta preferita (50%) seguiti da Canada (35%) ed Europa. Dall’estate 2022 hanno riaperto Australia e Nuova Zelanda, paesi Covid free, ottime destinazioni per conciliare formazione accademica ed esperienze sportive nella natura. Trimestri estivi perfettamente conciliabili con la scuola italiana (luglio-settembre) e infatti si sta registrando una forte domanda per queste destinazioni per partire nell’estate 2023.
“L’anno all’estero sta ormai diventando un’esperienza imprescindibile per poter accedere alle più prestigiose Università con percorsi internazionali fuori Italia e, sempre di più, anche nel nostro Paese. Il numero di famiglie che si rivolgono a YouAbroad per il periodo di studio all’estero dei propri figli è in costante aumento’’, dice Patrizia Groppo, Managing Director di YouAbroad.