Eraclea e Caorle, elezioni condizionate dalla Camorra

0
261

Mentre sembra profilarsi il possibile scioglimento per mafia del comune di Eraclea, che sarebbe il primo nel Veneto, il tema del radicamento della camorra sul litorale veneziano, con riferimento anche al territorio comunale di Caorle, arriva in Parlamento. Le deputate della Lega Giorgia Andreuzza e Ketty Fogliani hanno infatti presentato una interrogazione al Ministro dell’Interno richiamando in premessa l’operazione avvenuta lo scorso febbraio ad Eraclea, che ha comportato l’arresto di 50 persone e 82 indagate, divenute poi 76, con reati riconducibili a usura, estorsioni, rapine, truffa, illeciti fiscali droga e armi. In carcere era finito anche il sindaco Mirco Mestre con l’accusa di voto di scambio in quanto, secondo gli inquirenti, il clan dei Casalesi ne avrebbe favorito l’elezione condizionando le elezioni amministrative del 2016. Un’ipotesi che, sempre a detta della procura, riguarderebbe anche il comune di Caorle in quanto anche in tale comune le elezioni amministrative del 2016 sarebbero state pilotate e condizionate, secondo le indagini emerse, dal clan dei Casalesi. Nell’interrogazione si ricorda altresì che a luglio la Commissione parlamentare Antimafia ebbe modo di audire il Prefetto di Venezia Vittorio Zappalorto proprio sulle vicende sia di Eraclea che di Caorle.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here