BELLUNO: NO A STALLO, IL TERRITORIO HA BISOGNO DI INVESTIMENTI

0
928

«Le diatribe partitiche non ci interessano, quel che non vogliamo è che il fondo per le aree di confine subisca un altro stop. Sarebbe una sciagura per le amministrazioni locali, per le imprese e per il territorio bellunese nel suo insieme». É questo il commento di Confindustria Belluno, Confarti­gia­nato Imprese Belluno e Appia – CNA, alla notizia di una richiesta di chiarimento sulla posizione del deputato Roger De Menech, sul quale peserebbe il sospetto di incompatibilità con il ruolo di presidente del Comitato di Gestione, assegnatogli dal Ministero. «Non spetta a noi prendere le parti di questo o quel rappresentante politico – fanno sapere le categorie economiche in una nota congiunta – ma non possiamo non esprimere pubblicamente una forte apprensione per i recenti sviluppi che riguardano il fondo per le aree di confine. Non potremmo perciò accettare passivamente una nuova fase di stallo a scapito delle aree di confine e dell’intera provincia. Ciò che chiediamo, anzi che pretendiamo, è che una pur comprensibile dialettica politica, perché di questo si tratta sino a prova contraria, non provochi ulteriori danni a un territorio che nel prossimo futuro è chiamato ad affrontare sfide importanti».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here