ALLERTA ATTACCO CON DRONI, ALLARME A VENEZIA E TARVISIO

0
1503
Reparti speciali dei carabinieri per la prevenzione al terrorismo in piazza del Plebiscito a Napoli, 13 Aprile 2016. ANSA/CESARE ABBATE

La prima circolare riservata è arrivata alla polizia di frontiera all’aeroporto di Fiumicino, in contemporanea alla Questura di Venezia e a quella al confine di Tarvisio. Riguarda «la possibilità del compimento di un attacco terroristico di matrice islamica nei giorni dal 2 al 6 gennaio». Una minaccia più circostanziata che ci è stata se­gnalata dall’intelligence di un paese amico. E che ha portato all’­immediato rafforzamento delle ve­rifiche di frontiera e di prevenzione all’immigrazione clandestina, così come richiesto dal documento riservato. In particolare, attenzione massima «per le cos­iddette tratte a rischio in pro­venie­nza da Algeri, Damasco, Istanbul e Tunisi». La nota degli 007 mediorientali ipotizza che i terroristi possano decidere di colpire attraverso l’uso di droni, ma anche di grosse auto fuoristrada, simili a quelle che sono sparite da un concessionario della Capitale, tra il 18 e il 19 dicembre, o anche di taxi che è molto più difficile controllare, perché possono circolare liberamente nel centro storico delle città. In questo periodo le forze di polizia e gli 007 ne ricevono un flusso continuo: dai camion sospetti alle richieste di armi o di esplosivo. Ma questa indicazione deve aver preoccupato più delle altre, visto che ieri, in Pre­fettura, si è tenuta una riunione proprio per predisporre una modifica alle fly zone. Un piano di controllo dei cieli era già stato attivato nel periodo del Giubileo, quando sono stati ampliati gli spazi off limits.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here