“Papa libero non ci sono prove” l’avvocato chiede il riesame

678

L’avvocato Piergiorgio Oss lo va ripetendo dal primo giorno: «Non ci sono prove certe, ma solo indizi. E di certo non in grado di giustificare l’accusa di omicidio (volontario plurimo aggravato, ndr) e la detenzione in carcere». Il legale di Sergio Papa, accusato del duplice omicidio dei coniugi Nicolasi, depositerà nelle prossime ore, il ricorso al tribunale del Riesame di Venezia contro la detenzione in carcere del 36enne di Refrontolo fermato dai carabinieri lo scorso 10 marzo. Sergio Papa si è sempre dichiarato innocente. «Non ero a Rolle la notte tra il 28 febbraio e il primo marzo: l’ho passata da mia nonna, e la mattina sono andato a Miane a trovare mio fratello. Loro possono confermarvelo» ha raccontato il 36enne dopo aver ammesso di aver litigato il giorno prima del delitto con Annamaria Niola e il marito Loris Nicolasi.