IN VENETO COOPERARZIONE PER I DIRITTI UMANI La Giunta Regionale ha dato all’unanimità parere positivo per il piano annuale

Il Tavolo Regionale sui Diritti Umani e la Cooperazione allo Sviluppo Sostenibile, riunitosi a Palazzo balbi, sede della Giunta veneta a Venezia, alla presenza dell’Assessore alla Sanità e Sociale, ha dato all’unanimità parere positivo al Piano Annuale 2019 di attuazione degli interventi di promozione nel settore, che prevede investimenti complessivi per 735 mila euro. Della cifra totale, 500 mila euro sono riservati agli interventi di cooperazione e sviluppo, 130 mila euro alla promozione del commercio equo e sostenibile, 105 mila euro saranno utilizzati per la promozione dei diritti umani e della cultura di pace. “Con il via libera del Tavolo – dice l’Assessore – ora possiamo approvare velocemente in Giunta il tutto e passare alla fase attuativa. Abbiamo riunito in una strategia unica, più incisiva e ben dotata finanziariamente, quelli che, fino all’anno scorso erano due Piani distinti: quello sui diritti umani e quello sulla cooperazione. Più la programmazione è semplice e coordinata e più sono efficaci gli interventi. E’ a questo che puntiamo con fiducia”. “E’ un impegno significativo – aggiunge l’Assessore – che dimostra anche quanto siano falsi certi stereotipi. Il Veneto è terra di volontariato, ricca di valori come l’altruismo, che puntualmente interviene per sostenere e aiutare chi è’ più in difficoltà. Il Piano rappresenta esattamente questa realtà”. I 500 mila euro destinati alla cooperazione allo sviluppo sostenibile andranno a finanziare un bando regionale rivolto a favore degli enti no profit del territorio, attivi nel campo della cooperazione e si rivolgeranno in particolare a iniziative umanitarie legate alla sanità in Africa. “Venezia per la ricerca sulla pace”, nonché al finanziamento (70.000 euro) dei “Voucher Educativi” nelle scuole per diffondere tra i giovani e giovanissimi il valore di tematiche come quelle ambientali, di contrasto alle discriminazioni, di lotta alla violenza di genere e al bullismo.