Conoscenza della Shoa, ok alla legge

0
197

Il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità il Progetto di Legge, primo firmatario il presidente della Sesta Commissione consiliare, Alberto Villanova (ZP), relatore in aula, il quale ha ripercorso “le vicende storiche che hanno portato alla tragedia della shoah, una sistematica eliminazione, pianificata e ‘industrializzata’ di civili europei” e ricordato “l’importanza di preservare dall’oblio un patrimonio di memoria dell’Europa intera che ognuno di noi deve conoscere per spezzare quel crescendo d’odio chiamato antisemitismo e che, purtroppo, continua a diffondersi nella nostra società. Perché non basta condannare, ma bisogna ricordare affinché ciò non accada mai più, perché i 6 milioni di ebrei uccisi erano innanzitutto persone e non dobbiamo mai abituarci alle barbarie, non dobbiamo vedere solo freddi numeri, ma riconoscere le persone e le famiglie che vi stanno dietro. Dobbiamo pensare a una fila sterminata di tutte le persone ammazzate per comprendere appieno la immane dimensione di questa tragedia storica. Credo che ai nostri giovani servano esempi e riferimenti positivi che possano stimolarli e incoraggiarli a impegnarsi per il progresso e la crescita della società. Ringrazio quindi tutti i componenti la Sesta Commissione per aver votato questa proposta di legge, che sarà la prima interamente dedicata alla memoria della shoah”. La vice presidente della Sesta Commissione, Francesca Zottis (PD), ha ricordato come “è necessario sconfiggere e fermare sul nascere ogni tentativo di negazionismo. Non dobbiamo mai perdere l’umanità e iniziare un nuovo percorso di moralità”. Appoggio convinto alla proposta normativa anche dagli interventi in aula dei consiglieri Orietta Salemi (PD) “senza memoria non c’è futuro, perché non è possibile costruire una identità. Senza ricordo non c’è quella partecipazione emotiva che permette di essere umani”, Patrizia Bartelle (IIC), Erika Baldin (M5S), Pietro Dalla Libera (VU) “purtroppo la Storia ci insegna che spesso l’umanità è ricaduta negli stessi errori. E’ quindi fondamentale portare avanti il ricordo e la memoria storica”, Luciano Sandonà (ZP) “ancora purtroppo l’antisemitismo tocca parti della nostra società”, Andrea Zanoni (PD), “vanno contrastati il negazionismo e il revisionismo storico e va preservata la memoria”, Cristina Guarda (CpV) “il vero pericolo è l’indifferenza e dobbiamo quindi contrastarla. Dobbiamo essere testimoni attivi dell’impegno sociale”, Stefano Casali (CDV), “chiederemo al Consiglio Regionale di adottare la definizione giusta di antisemitismo, come rilasciata dall’IHRA”, Massimo Giorgetti (Più Italia/Amo il Veneto) “non rinnego nulla del mio passato politico di Destra, ma su questi temi non ci possono essere reticenze, la tragedia della shoah deve essere condannata senza se e senza ma”, Enrico Corsi (LN) “profonde le testimonianze raccolte durante la seduta speciale della settimana scorsa”. L’assessore Corazzari ha ricordato “il bellissimo momento vissuto con i ragazzi delle scuole superiori, giovedì scorso, durante la seduta speciale della Sesta Commissione. Come Giunta Regionale ci impegneremo a dare concretezza a questa legge, al ricordo e alla memoria. In tal senso, abbiamo già deliberato una intesa con la Fondazione Giorgio Perlasca”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here