PAN: LE STALLE VENETE SONO ALLO STREMO

343

«La situazione della zootecnia veneta è drammatica, le proposte che il ministro Martina ha illustrato ai rappresentanti delle Regioni rappresentano solo un minimo aiuto, ma non sono sufficienti per salvare il comparto. Al ministro ho chiesto di rivedere la legge 91/2015 e di cancellare il fondo per interventi nel settore lattiero caseario. La Regione Veneto chiede al governo italiano di versare alla UE solo le somme dovute a titolo di prelievo (30 milioni) per il pagamento delle multe per lo splafonamento delle quote latte e di lasciare invece ai produttori i 73 milioni del prelievo per finanziare interventi a favore del settore lattiero caseario». É quanto dichiara l’assessore all’Agricoltura della regione Veneto, Giuseppe Pan, dopo l’incontro svoltosi nei gironi scorsi al ministero per le politiche agricole sulla crisi europea del latte. Per l’assessore «è preferibile lasciare i soldi nelle tasche degli allevatori, anziché creare una complicata partita di giro per istituire un fondo nazionale di dubbia efficacia». «Al ministro ha chiesto, inoltre – prosegue Pan – di convocare urgentemente un tavolo di crisi per rivedere la metodologia di indicizzazione del prezzo del latte. Le 3300 stalle del Veneto sono allo stremo, non possono continuare a produrre in perdita, visto che oggi il prezzo del latte non remunera nemmeno i costi di produzione».