CONFAPI: MANIFATTURIERO TIMIDI SEGNALI DI RIPRESA

357

Fabbrica Padova, centro studi di Confapi, ha incrociato i dati relativi al consuntivo 2015 del settore manifatturiero con quelli che riguardano gli insediamenti produttivi nel territorio, a partire da quanto raccolto dalla Camera di commercio. Ne esce un quadro dominato dal chiaroscuro. Per­ché se è vero che i primi segnali di ripresa cominciano a vedersi, è altrettanto vero che se ci si rapporta ai livelli pre-crisi si nota co­me l’indice della produzione industriale sia ancora ben al di sotto della soglia di partenza (-17,5 pun­ti rispetto al 2006). «In un certo senso possiamo dire che, dopo aver toccato il fondo, non si poteva che risalire – commenta Da­vide D’Onofrio, direttore di Con­fapi Padova – Ma occorre fare attenzione perché la strada da fare per tornare ai livelli di dieci anni fa è ancora molto lunga. Perché si possa sul serio parlare di ripresa, sono necessari investimenti volti alla crescita dimensionale delle nostre imprese, ma per gli investimenti è indispensabile che si crei un clima di fiducia e che vengano superate le incertezze legate a una politica fiscale che ancora non è definita. Oggi più che mai gli imprenditori per investire avrebbero bisogno di risposte certe e sicurezze».