ALLARME MANIACI AD ARCELLA, LE MAMME NEI PANNI DI 007

207

Allarme dall’Arcella: «Balordi stranieri tentano di avvicinare adolescenti per strada, con complimenti e parole suadenti, per spacciare droga o addirittura cercare approcci». Sono alcune famiglie di residenti a puntare l’indice contro «i nordafricani» che stazionano in zona. E c’è chi ha traslocato «per fuggire al degrado». «Negli ultimi tre anni ho sporto una trentina di denunce a polizia e carabinieri, segnalando che alcuni extracomunitari, nei dintorni di Santissima Trinità, tentavano di avvicinare e circuire mia figlia per strada. E in seguito a queste denunce alcune di quelle persone sono state arrestate» racconta, chiedendo l’anonimato, la mamma di una sedicenne. «Per scoprire cosa stava accadendo a mia figlia, sono arrivata al punto di pedinarla di nascosto – prosegue la mamma – Ritengo che l’area della stazione, dove confluiscono moltissimi ragazzi per prendere gli autobus, sia uno dei luoghi più pericolosi per gli adolescenti, visto il gran numero di sbandati in circolazione».  Alcuni residenti si sono infine rivolti in questi giorni a Valeria Chinaglia, responsabile della commissione sociale dell’ex consiglio circoscrizionale. «I cittadini – afferma – vedono gruppetti di nordafricani che, nel tardo pomeriggio, avvicinano adolescenti in tenuta da palestra nell’area di via Temanza e sul retro del supermercato Pam, a San Carlo, e si scambiano spinelli. Ho già informato la polizia municipale».