“VIOLENZA SU BEBE” CODACONS DENUNCIA FACEBOOK

383

Una pagina Facebook che prende di mira la campionessa veneta paralimpica Bebe Vio, che incita addirittura a violentarla: una vergogna che non è passata inosservata al Codacons. L’associazione dei consumatori ha infatti denunciato il popolare social network alla Procura della Repubblica di Venezia. No­nos­tante le ripetute segnalazioni inviate da parte degli utenti di Facebook, gli amministratori – riferisce il Co­dacons – hanno risposto che la pagina rispetti gli standard e che quindi sarà visibile sul sito. Ad ora, però, cliccando per trovarla, la pagina non risulta essere visibile (anche se su Google se ne conservano le tracce). Per tale motivo il Codacons ha chiesto alle Procure della Repubblica di Roma e Venezia, alla Polizia Postale e all’Autorità per le comunicazioni, di «utilizzare ogni strumento investigativo consentito dalla legge e dal rito allo scopo di predisporre tutti i controlli necessari per accertare e verificare se i fatti esposti possano integrare fattispecie di illecito civile, amministrativo e penale, nella forma tentata e consumata, nonché individuare tutti i soggetti da ritenersi responsabili e di conseguenza adottare i dovuti ed eventuali provvedimenti sanzionatori».