VENDEMMIA ANTICIPATA, QUALITA’ OTTIME, CLIMA FAVOREVOLE MA PREZZI IN CALO

193

Quest’anno la vendemmia nel territorio della provincia di Venezia sarà in anticipo di 5-6 giorni, grazie al buon andamento climatico che ha favorito la maturazione delle uve. “Il tempo è stato favorevole, il giusto caldo e le piogge hanno fatto crescere molto bene l’uva. Prevediamo che la raccolta sia un po’ anticipata e possa partire dal 15 al 20 agosto, per le varietà precoci come il Pinot Grigio. Confermo che quantità e qualità saranno ottime – afferma Roberto Ciani Bassetti, presidente viticoltori di Confagricoltura Venezia. – Si percepiscono però alcune tendenze al ribasso dei prezzi dovute in primo luogo al potenziale produttivo aumentato, grazie al gran numero di nuovi impianti che entrano in produzione e all’ottima annata; in secondo luogo alla presenza di prodotto invenduto della vendemmia precedente accumulatosi in modo particolare in alcune GDO dell’area Europea a causa l’aumento notevole dei prezzi determinato dalla penuria di prodotto 2017”. Bloccare i nuovi impianti di Glera e Pinot Grigio per evitare sovraproduzioni “Auspichiamo che ci sia un blocco momentaneo degli impianti di Glera (il vitigno da cui si ricava il prosec­co, ndr) e Pinot Gr­ig­io – so­t­toli­­n­ea Giulio Rocca, presiden­te Confagricoltura Venezia – in modo che il mercato possa stabilizzarsi con i nuovi impianti che stanno entrando in produzione. Non vorremmo che ci fosse in futuro un crollo dei prezzi causato dalla sovraproduzione con problematiche simili a quelle registrate negli anni 70-80”. Ancora qualche difficoltà per il Pinot Grigio delle Venezia Momento di particolare difficoltà per il Pinot Grigio delle Venezie, che non riesce ancora a decollare sul mercato: “Ci aspetta ancora un anno di sofferenza, dovuto al periodo di transizione dall’igp (indicazione geografica protetta) al doc (denominazione origine controllata), spiega Christian Ma­rchesini presidente Viti­col­tori di Confa­gricoltura Veneto.